Il sondaggio: al 23% degli italiani piace l’idea del partito repubblicano

Al 23 per cento degli elettori piace il progetto del Partito Repubblicano lanciato da Silvio Berlusconi, secondo il sondaggio elaborato dall’Osservatorio di Renato Mannheimer per il Giornale . Con il centrodestra in crisi, ma con un potenziale di una base elettorale di area, insoddisfatta delle politiche renziane, l’idea di un nuovo partito che tenti di riaggregare tutte le componenti moderate sul modello dell’Old Parti degli Stati Uniti non è da sottovalutare.

Partito Repubblicano? Si può fare

Alla domanda specifica: lei voterebbe una nuova forza politica del centrodestra moderato che si ispiri al Partito Repubblicano?, il 23 per cento ha risposto sì. I particolare, il 4% ha risposto «certamente», il restante 19%, «probabilmente». I potenziali elettori si trovano per la maggiora parte nel Nord-Ovest, rileva Mannheimer. Va da sé che la maggior parte di questi votanti potenziali si collochi tra l’attuale seguito di Forza Italia. Ma anche oltre la metà dell’elettorato dell a Lega si dichiara interessata alla nascita di questa nuova formazione politica. Questi rilevamentison frutto di due tendenze opposte, spiega l’analista: da un lato la visione ottimistica di chi si dichiara “geneticamente” di centrodestra e ritiene che la sua base possa presto riaggregarsi e rinnovarsi: una visione comune non solo negli elettori di Fi, ma anche in quelli della Lega e del Ncd; viceversa, coloro che si collocano nel centrosinsistra giudicano in misura assai più elevata (70 per cento) che il centrodestra sia in una crisi non risolvibile nel breve periodo. Ma anche chi si colloca nel centro tout court  appare fiducioso (poco più del 50 per cento) della prospettiva che una nuova forza politica modellata sul partito repubblicano Usa possa attecchire anche da noi.