Scuola, i prof inondano la bacheca Facebook di Renzi: non ti votiamo più

«Noi non voteremo più il Pd perché indignati dal ddl La Buona scuola». È il messaggio che dilaga sulla bacheca Facebook del presidente del Consiglio Matteo Renzi. In calce agli ultimi post del premier, decine di persone hanno manifestato il loro dissenso con un “bombardamento” di commenti che legano la protesta contro la riforma della scuola al voto per le prossime amministrative.

Tutti contro Renzi, i mittenti sono tutti insegnanti

Il testo del messaggio è standard, i mittenti per lo più si dichiarano insegnanti ed “ex” elettori del Pd. Ma qualcuno aggiunge al messaggio una postilla: «Caro Matteo sei bravo in matematica? Allora inizia a contare quanti voti hai perso!», scrive Erica, «Sono indignata sia come insegnante sia come madre preoccupata del futuro dei propri figli», dice Teresita. «Noi personale Ata non voteremo Pd, indignati dal ddl La buona scuola…tanto non siamo neanche menzionati!», aggiunge Elena. Duro il commento di Simona: «Caro Renzi grazie a te e alla tua “Buona scuola” straccierò la tessera del Pd e, puoi scommetterci, alle prossime occasioni io, i miei familiari e i miei amici ti manderemo a quel “Buon Paese”». Nicola scrive: «Insegnante, da quando ho compiuto 18 anni ho votato sempre il pds poi pd etc etc. Non voterò mai più Pd perché indignato dal Ddl la buona scuola». Tra i messaggi “contro”, preponderanti per numero, spunta anche qualche commento a favore del ddl e del governo che l’ha proposto: «Voterò Pd – scrive Armando – anche per la riforma della buona scuola, era ora!».