Cannes, rapina alla gioielleria Cartier: il bottino è di oltre 17 milioni di euro

A pochi giorni dall’apertura del Festival internazionale del Cinema, i rapinatori hanno colpito la gioielleria Cartier di Cannes, con un bottino da 17,5 milioni di euro. Martedì scorso, quattro uomini mascherati, di cui uno travestito da anziano signore, si sono presentati nella boutique, armi in pugno. Nel giro di pochi minuti hanno preso gli orologi e i gioielli esposti in vetrina. Si tratta di uno dei bottini più ricchi dell’anno. I rapinatori hanno poi preso la fuga a bordo di una Mercedes rubata, che hanno poi abbandonato nelle strade di Cannes. La Croisette conta una settantina di boutique di superlusso.

Maxirapina a Cannes: i precedenti

Nel 2013, durante il Festival, una parure da un milione di euro era stata sottratta da una cassaforte dell’Hotel Carlton, che si trova proprio di fronte alla gioielleria Cartier rapinata.   Qualche mese dopo sono stati rubati gioielli per un valore di 136 milioni di dollari, equivalenti a circa 103 milioni di euro. Un colpo all’Arsenio Lupin. Nonostante la pistola automatica salda nel pugno dell’uomo che aveva realizzato il colpo, con il volto coperto da un bandana non aveva  sparato un solo colpo. Il delinquente era entrato indisturbato nella sala da esposizioni dove soltanto pochi giorni prima, il 20 luglio, era stata inaugurata la mostra Extraordinary diamonds, diamanti straordinari, presidiata da tre uomini della sicurezza, uno per porta. Ed era riuscito a farsi consegnare i capolavori di Leviev, celebre maison di gioielli, sparendo poi in una stradina perpendicolare alla Croisette, su cui la sala è affacciata.