Marò, Dagospia: l’India snobba Expo perché è imbufalita con Renzi

Mazzata firmata Dagospia al premier Matteo Renzi. Con una delle sue indiscrezioni a prova di smentita, il sito di Roberto D’Agostino prova a illuminare la questione dei nostri 2 Marò prigionieri dell’India. Nervo sensibile per tutta la politica italiana e perciò anche per l’attuale inquilino di Palazzo Chigi che, fin dal suo insediamento, non ha dissimulato certo l’idea di volerli riportare a casa per averne un ritorno di consensi e immagine. Ma ecco le news firmate Dagospia: ” Volete far rabbuiare il bulletto di Rignano sull’Arno? Parlategli della Liguria o dei Marò. Se la sfida elettorale tra Antonella Paita e Giovanni Toti turba i sonni del premier per gli scenari che una sconfitta aprirebbe nel suo partito e a sinistra, la vicenda dei due fucilieri della Marina accusati di omicidio dalle autorità indiane costituisce un possibile danno d’immagine assai pesante”.

Dagospia sui Marò

Analisi tosta quella di Dagospia, ma condivisibile. Che così prosegue: “In questi mesi anche il governo Renzi ha sbattuto contro il muro indiano e non ha portato a casa alcuna apertura, anzi. Il premier è molto preoccupato dall’impatto che avrà sull’opinione pubblica italiana il ritorno in India di Massimiliano Latorre, autorizzato a rimanere in Italia per curarsi (si è operato al cuore) solo fino al 15 luglio. Come verrà accolta la notizia della sua partenza? Che figura ci farà il premier spaccone? Anche per questo ultimamente Renzi ce l’ha con il sottosegretario Marco Minniti, incaricato della trattativa con gli indiani. Indiani che sono talmente imbufaliti con l’Italia da non aver neppure prenotato uno stand all’Expo di Milano”.