Mamma + papà: campagna FdI per il diritto dei bambini a una vera famiglia

“Mamma più papà, niente di diverso”. Così si intitola la campagna per la famiglia organizzata da Fratelli d’Italia che dall’8 al 10 maggio, in occasione della festa della mamma, sarà in piazza contro quella che definisce “la dittatura del gender”. E’ uno “tsunami che si ingigantisce”, spiega in conferenza stampa il capogruppo di FdI Fabio Rampelli, e annuncia una mobilitazione in difesa del diritto dei bambini ad avere una madre e un padre, a crescere in una vera famiglia.

Volantini no gender nelle scuole

Si inizierà “l’8 maggio con un volantinaggio nelle scuole superiori – spiega Rampelli – per proseguire il giorno successivo con gazebo in tutte le piazze di Italia mentre domenica 10 maggio, senza insegne di partito, Fratelli d’Italia aderirà alla marcia per la vita”. Rampelli punta poi il dito contro “il partito democratico e Renzi che avallano l’ideologia gender” per la quale l’appartenenza a un sesso è un fattore culturale e non biologico.

FdI contesta il ddl Fedeli, sì alla vera famiglia

Fratelli d’Italia contesta anche il ddl Fedeli (approvato come emendamento al ddl sulla Buona scuola) che introduce l’obbligo dell’educazione di genere nelle scuole e nelle università, con uno stanziamento di 200 milioni di euro dal 2015. Un insulto alla logica e al buon senso nel momento in cui gli istituti italiani versano in condizione disastrose al punto da mettere a rischio la stessa incolumità degli studenti. No all’indottrinamento nelle scuole, dunque, dove molto hanno fatto sentire la loro voce anche i genitori sollecitati da Manif pour tous Italia e dal movimento delle Sentinelle in piedi.