M5S infilza Veronesi: finanziato da Veolia che costruisce inceneritori

«Ricordiamoci che anni fa il professore Veronesi, ospite di Fabio Fazio, ebbe il coraggio di dire che la presenza di un inceneritore non incide in alcun modo sulla salute della popolazione che abita nelle vicinanze. Incidenza “zero”, disse. Ma se andiamo a vedere chi finanzia la sua Fondazione, scopriamo che Veronesi riceve soldi da una multinazionale, Veolia, che costruisce e gestisce gli inceneritori. Vergogna!».
Lo scrive il deputato M5S e presidente della Commissione vigilanza Rai, Roberto Fico su Facebook dove aggiunge: «Ora il governo disquisisce di tumori e mammografie, ma è lo stesso che autorizza la ricerca e l’estrazione del petrolio in Italia, che non investe un euro nelle energie rinnovabili, che dirotta i soldi per le bonifiche delle terre inquinate verso l’Expo. Di fronte a queste assurdità mi monta una rabbia così forte in petto ed è per questo che vi dico che non ci fermeremo davanti a niente».
“E ora prendete questo post, tagliatelo, strumentalizzatelo e, mi raccomando, non parlate mai seriamente dei tumori e di tutte le contraddizioni che questo Paese ha nella Sanità come in tutti gli altri settori. Voi rimanete – continua – così come siete, immobili, uguali a voi stessi, noi andremo avanti» afferma Fico che sottolinea: «Noi pretendiamo trasparenza su tutto e vogliamo comprendere e combattere ogni conflitto di interesse che c’è nella Sanità italiana. Il malato oggi viene trattato come un affare, un business. Il nostro Paese muore, muore letteralmente, sui conflitti di interesse. Pretendere leggi appropriate in questi settori è una richiesta così stramba, così grave, secondo voi?».

Già nel 2008 i grillino avevano fatto le pulci a Veronesi

Per Fico «chi oggi si riempie la bocca di dichiarazioni vergognosamente perbeniste sui tumori, farebbe molto meglio a tacere per provare a conservare un briciolo di dignità. Da trent’anni, in Campania come in molte altre regioni italiane, migliaia di cittadini denunciano gli sversamenti illeciti di rifiuti tossici, e mai nessuno ha mosso un dito per risolvere questa situazione disastrosa. Sono rimaste solo urla di dolore al vento. Inascoltate da chi avrebbe dovuto sentire la responsabilità di fare qualcosa di fronte a migliaia di bambini e adulti ammalati e morti per ogni tipo di tumore. E oggi – conclude – c’è chi ha la presunzione di parlare!».
La questione del confitto di interessi di Veronesi sul tema degli inceneritori è un vecchio cavallo di battaglia dei Grillini ed già stata sollevata ripetutamente nel passato dal Movimento.
In un post del 2008 sul Meetup di Grillo sotto il titolo polemico “Veronesi…V come Veolia” veniva sollevata proprio la questione delle sue dichiarazioni alla trasmissione “Che tempo fa” di Fabio Fazio, mettendo in evidenza il fatto che «scorrendo tra i tantissimi sponsor della Fondazione Veronesi…troviamo importanti acciaierie come Acciai Brianza, Comet, l’Enel che oltre a gestire centrali a carbone ed olio combustibile sta investendo all’estero sul nucleare, Pirelli ed Eni, importanti nomi del settore petrolifero, la società Autostrada Ligure Toscana e Veolia, importantissima multinazionale francese che costruisce, fra l’altro, discariche ed inceneritori di rifiuti e detiene il 49 per cento della società Tecnoborgo Spa di Piacenza che gestisce l’inceneritore di rifiuti di questa provincia».