Lega Calcio, Belloli degno erede di Tavecchio: «Niente soldi alle lesbiche..»

«Basta! Non si può sempre parlare di dare soldi a queste quattro lesbiche…»: sarebbe questa la frase pronunciata fa Felice Belloli, presidente della Lega Nazionale Dilettanti nel corso di una riunione del consiglio del dipartimento calcio femminile della Lnd-Figc. Belloli, se fosse confermato quel verbale redatto dopo la riunione, sarebbe il “degno” successore dell’ex presidente Carlo Tavecchio, oggi presidente della Figc, autore di memoraboli scivoloni di questo e di altro genere.

Belloli nega, però…

Il presidente Belloli, dopo le polemoche scaturite dal suo intervento alla riunione del dipartimento del calcio femminile, settore che fa parte proprio della Lega Dilettanti, nega di aver detto quelle parole offensive. «Un verbale può scriverlo chiunque, bisogna provare che le frasi siano state pronunciate dal sottoscritto…». Ma la Procura federale ha aperto un’inchiesta e il sito www.soccer.it pubblica il verbale, che potete leggere qui. Tavecchio, dal canto suo, a sapere che “se Belloli avesse detto quelle parole, sarebbe un fatto grave”. “Quella è una frase odiosa e inaccettabile», riferisce l’Ansa.