Foto di vip rubate online. A processo Selvaggia Lucarelli e Guia Soncini

Gossip e giustizia.  Avrebbero rubato i segreti dei vip riuscendo ad accedere abusivamente ai loro account di posta elettronica, dopo essere riusciti a ottenere codici e password. Come riportato sul sito Giustiziami, le blog star Selvaggia Lucarelli (oggi collaboratrice del Fatto quotidianoGuia Soncini e Gianluca Neri alias Macchianera, andranno a processo il prossimo 19 giugno a Milano. Al centro delle indagini ci sarebbero 191 foto scattate a Villa Oleandra per i 32 anni di Elisabetta Canalis,  che figura tra le parti offese, accanto a Mara Venier.

Le indagini

Il pm Grazia Colacicco, titolare delle indagini,  ha contestato ai tre blogger il concorso in intercettazione abusiva, detenzione e diffusione abusiva di codici di accesso (accusa da cui è esclusa Lucarelli) «al fine di procurare a sé o ad altri un profitto o di arrecare ad altri un danno». L’inchiesta risale al 2011, in seguito alla denuncia sporta daa Elisabetta Canalis la quale si era accorta che stavano girando sul web foto della festa  in riva al lago di Como del suo ex George Clooney e che qualcuno le voleva vendere.

Selvaggia Lucarelli: solo invenzioni

«Non ho mai violato un account di posta elettronica in vita mia, neanche quello di ex fidanzati», con un post ironico, come è nel suo stile, Selvaggia Lucarelli respinge le accuse e parla di «titoli fantascientifici». Tutto quello che è accaduto è che io all’epoca mi sono vista recapitare le foto di un compleanno della Canalis a casa Clooney. Non ho mai chiesto e ricevuto un euro da nessun giornale, rivista o editore, né per quelle foto né per qualsiasi altra foto o notizia in altri periodi». Però – aggiunge la blogger esperta in gossip – «ci sono state perquisizioni, sequestri e intercettazioni come se fossi entrata in possesso di informazioni riservate alla Cia, ma negli atti non c’è un passaggio in cui risulti che io abbia mai venduto o contrattato una notizia o una foto. Dalle carte risulta in verità che la persona che le ha tentate di vendere abbia un nome e un cognome». La verità la stabilirà il processo. «E ora scusate ma – conclude la Lucarelli scherzando – devo hackerare la posta di Ryan Gosling così scopro come va con Eva».

Macchianera: le foto erano sul web

Con un lungo post in progress sul suo sito Macchianera, il blogger Gianluca Neri racconta come è entrato in possesso delle foto smentendo di averle rubate. «Perché ho quelle foto? Lo dico subito agli agenti e lo ripeterò successivamente in questura: parecchi mesi prima le trovai in un file zip condiviso da qualcuno su 4chan, in un periodo in cui era un pullulare di frequentatori del sito che condividevano e-mail, documenti e foto di svariate personalità hollywoodiane che avevano in qualche modo hackerato». Nel suo racconto, Neri cambia i nomi dei protagonisti, raccontando che «il link su cui io avevo cliccato faceva parte di uno stralcio di una e-mail che la showgirl Fernanda Sorgente aveva inviato alle proprie amiche allegando una larga quantità di foto scattate  presso la villa Gelsomina in occasione del compleanno della sua amica e collega Emanuela Banalis in compagnia del suo fidanzato nonché padrone della villa, il famoso attore Giorgio Clone».