Inferno all’Expo, oggi si teme il bis. Ma per Alfano non è successo niente

Le polemiche ora sono tutte sul ministro Alfano, che minimizza. Ma quella di ieri, nel giorno del via all’Expo, è stata una giornata di guerra, a Milano. Alla mattina le celebrazioni per l’inaugurazione di Expo 2015, al pomeriggio la rabbia dei No Expo, o meglio di una frangia violenta dei contestatori dell’Esposizione universale, che hanno rovinato la festa per l’apertura della manifestazione. L’entrata in scena dei gruppi anarchici più radicali (i cosiddetti black-bloc arrivati a centinaia a Milano da Francia, Germania, Spagna e mezza Italia) temuta fin dai giorni scorsi, si è puntualmente avverata: i gruppi di manifestanti vestiti di nero, distribuiti in vari punti del corteo, hanno spaccato fioriere e vetrine dando fuoco ad auto e cassonetti,lanciando oggetti e molotov contro le forze dell’ordine. Due ore abbondanti di guerriglia urbana, alla quale la polizia ha risposto con il lancio di 400 lacrimogeni, un numero che da solo fotografa i disordini.

Expo blindata e Alfano sereno

«Un grande grazie alle forze dell’ordine e a tutto il sistema della sicurezza milanese: dal prefetto al questore e a tutti quelli che hanno cooperato. Hanno evitato il peggio con intelligenza e fermezza – ha commentato in serata il ministro dell’interno Angelino Alfano. “La tattica di ordine pubblico adottata a Milano – ha spiegato il ministro – ha infatti evitato il peggio. La giornata inaugurale di Expo non è stata macchiata dal sangue né dei manifestanti ne’ delle Forze dell’Ordine. E adesso massima durezza contro questi farabutti col cappuccio». Paro,e che hanno provocato reazioni di indignazione da tutte le forze politiche, soprattutto nel centrodestra, visti gli scenari di devastazione a cui tutti hanno assistito.

La cronaca della guerra

Il primo confronto si è avuto in piazza Resistenza Partigiana, un varco chiuso perfino con alte reti di ferro, camioncini, molti agenti, e difeso con gli idranti. Poi in largo D’Ancona, dove i tafferugli sono durati a lungo, spostandosi verso Cadorna, nei pressi della basilica di Santa Maria delle Grazie – uno dei simboli di Milano – e poi Conciliazione. Due ore interminabili, che hanno lasciato dietro di sé decine di auto bruciate, barricate, gente spaventata, e molte persone con irritazioni alla gola per l’uso dei lacrimogeni. Prime fra tutte quelle che si trovavano nella seconda parte del corteo, che hanno dovuto interrompere il cammino in via Carducci, ormai impraticabile per l’aria resa irrespirabile da fumogeni, lacrimogeni e il fumo nero delle auto incendiate. Ad un certo punto i ‘blocchi neri’ hanno cominciato a cambiarsi in massa, mischiati in mezzo ad altri compagni di corteo. Sull’asfalto di alcune strade, alla fine, sono rimaste decine di tute, felpe, magliette, ovviamente nere, e ogni genere di accessorio del teppista, come ginocchiere, bombe carta, occhiali protettivi, kit per lenire l’irritazione agli occhi da lacrimogeni, passamontagna, perfino maschere antigas. «In momenti come questi bisogna evitare di perdere il controllo della situazione ma occorre tenere grande saldezza di posizione» ha dichiarato il prefetto di Milano Francesco Paolo Tronca che ha convocato per oggi il Comitato per l’ordine e la sicurezza per fare il punto sui disordini di oggi. Alla fine il bilancio dei numeri è di 11 feriti tra le forze dell’ordine e di 10 antagonisti accompagnati in questura (uno è stato fermato in flagranza da due agenti in borghese in mezzo ai tafferugli). Ma la ferita alla città, in quello che doveva essere un giorno di lustro e orgoglio, è ben più grave della ferita fisica lasciata lungo i marciapiedi.