Elezioni, per i bookmaker esteri ci sarà un testa a testa in tre regioni

Non potevano mancare all’estero le scommesse sull’esito delle nostre elezioni regionali. Tre regioni (Marche, Toscana e Puglia) al Pd, il Veneto a Zaia e le altre regioni con un testa a testa. Sono le previsioni dei bookmaker esteri che hanno aperto le scommesse sui risultati delle regionali di domenica. Come riporta l’agenzia specializzata Agipronews, i quotisti sono convinti che almeno in Veneto il Pd non riuscirà a spuntarla: alla guida della Regione, la sigla Platinobet conferma il leghista Luca Zaia, appoggiato da Forza Italia e favorito a 1,60 davanti ad Alessandra Moretti (a 2,20). I democratici sono accreditati di vittoria quasi sicuramente nelle Marche, in Toscana e in Puglia, dove la spaccatura in seno a Forza Italia lancia Michele Emiliano verso la vittoria (a 1,60), con i due candidati di centrodestra – il fittiano Francesco Schittulli e Adriana Poli Bortone, sostenuta dal partito – rispettivamente a 2,30 e a 4,50. Nelle Marche il Pd è avanti a 1,60 con Luca Ceriscioli, che stacca il presidente Pd uscente – ora candidato con una lista civica appoggiata da Forza Italia – Gian Marco Spacca (a 3,20). In Toscana, prosegue Agipronews, i bookie riconfermano il democratico Enrico Rossi a 1,30, mentre la vittoria del candidato della Lega Nord Claudio Borghi vale 4 volte la scommessa.

Gli stranieri si divertono a scommettere sulle elezioni italiane

Lo scenario disegnato sulle lavagne internazionali quindi assegnerebbe tre Regioni al centrosinistra: mentre in Umbria, Liguria e Campania è testa a testa nelle quote tra i candidati dei due schieramenti. Gli ultimi sondaggi li danno in parità e anche sul tabellone sono vicinissimi: Vincenzo De Luca, candidato dal Pd alla presidenza della Regione Campania, è di pochissimo avanti a 1,80, mentre il governatore uscente Stefano Caldoro vale 2 volte la posta. La conferma della democratica Catiuscia Marini alla guida dell’Umbria si gioca a 1,90, mentreil forte sindaco di Assisi Claudio Ricci – sostenuto da Forza Italia, Lega Nord, Ncd e Fdi – insegue a 2,00. Sfida all’ultimo voto in Liguria tra Giovanni Toti, candidato per la coalizione di centrodestra e braccio destro di Silvio Berlusconi, e Raffaella Paita, attuale assessore regionale alla Protezione Civile e alle Infrastrutture e sostenuta dal PD: Toti è avanti a 2 volte la scommessa, tallonato da Paita a 2,20.