Cicciolina fa causa alla Camera: «Voglio gli arretrati sul vitalizio»

L’ex pornostar Cicciolina, al secolo Ilona Staller, ha citato la Camera dei deputati per avere un risarcimento sul suo indennizzo da deputato. A darne notizia il quotidiano Libero, che riferisce quanto dichiarato dal legale della Staller, Luca Di Carlo che ha presentato mercoledì una diffida all’ufficio di presidenza della Camera dei deputati, affinché svincoli il prima possibile le somme trattenute, arretrati compresi. Il pignoramento era stato stabilito dal tribunale di Roma in occasione dello scontro legale tra la Staller e l’ex marito l’artista statunitense Jeff Koons. Un provvedimento che lo stesso tribunale però avrebbe estinto nell’aprile scorso. Ora l’onorevole Cicciolina ha chiesto, attraverso il suo legale-fidanzato, che quei soldi, congelati dal parlamento le siano restituiti. Palazzo Chigi non ha ancora risposto alle richieste avanzate dalla Staller. Dagli uffici amministrativi infatti sino ad ora non sono arrivate repliche. Per questa ragione l’avvocato Di Carlo, ha presentato mercoledì una diffida all’ufficio di presidenza della Camera dei deputati, affinché svincoli il prima possibile le somme trattenute, arretrati compresi.

Cicciolina fu eletta nel 1987 con i Radicali

L’onorevole Staller – eletta nelle liste del Partito radicale nel 1987 – nel corso della sua attività di parlamentare finita nel 1992, era riuscita a collezionare un poco invidiabile record di assenze, 660 nel corso delle votazioni, tanto da subire un attacco interno allo stesso Partito radicale che denunciò una serie di comportamenti scorretti: «È stata la prima eletta del partito a non rassegnare le dimissioni a metà legislatura come da impegni presi col partito di Marco Pannella, ha richiesto, unica nella storia dei Radicali, che la giunta parlamentare le negasse l’autorizzazione a procedere e ha presentato un rendiconto falso delle spese elettorali». Il tutto non le ha impedito di ricevere tuttora un assegno mensile di circa che prende un assegno mensile pari a 2120 euro.