Carfagna: «Con De Luca candidato un condannato per abusi su minori»

Non solo indagati per reati di camorra o contro la pubblica amministrazione. La lista degli impresentabili a sostegno del candidato Pd alla guida della Regione Campania, Vincenzo De Luca, va aggiornata anche con la presenza di un condannato in primo grado per abusi su minori.

La denuncia di Mara Carfagna

A denunciarlo è stata Mara Carfagna, sottolineando che «pur ritenendo la vicenda degli impresentabili e dei trasformisti una questione seria che non va sminuita e svuotata di significato politico, ritengo che il tema che merita una riflessione attenta, profonda e coraggiosa è un altro». «Non posso tacere», ha aggiunto l’ex ministro delle Pari Opportunità, facendo riferimento alla sua «storia personale» e alle sue «battaglie» che le «impongono un intervento». «Nelle liste di Vincenzo De Luca c’è un condannato in primo grado per violenza sessuale su minori», ha quindi spiegato la Carfagna, aggiungendo però che «sono garantista e non cambio idea».

«De Luca e Renzi si scusino»

«Il processo deve fare il suo corso, ma pur non rinunciando al garantismo, non si può far finta di nulla», ha avvertito l’esponente azzurra, aggiungendo che «conosco Vincenzo De Luca, ha mille difetti, ma non può di certo accettare per pura convenienza politica di essere sostenuto da una persona su cui pende un’accusa di questo tipo. Sono però certa che sia lui che il premier Renzi troveranno il modo di prendere le distanze da questa scelta». «Mi auguro con tutto il cuore – ha concluso la Carfagna – che la presa di distanza non sia un banale “non sapevamo nulla” e che arrivino parole nette e scuse a tutte le donne italiane e campane».