Anche a San Siro bordata di fischi per Pisapia. Chi lo conosce lo evita

È stata una pessima performance quella a San Siro per Giuliano Pisapia. Quando lo speaker ha chiamato il primo cittadino di Milano a dare il calcio di inizio della partita di beneficenza Zanetti and  Friends Martch for Expo  il pubblico si è scatenato contro il sindaco amico dei centri sociali che hanno devastato il centro di Milano insieme ai black bloc. Quando ha lasciato il bordo campo per avvicinarsi con fare dinoccolato al centro del rettangolo di gioco, Pisapia è stato letteralmente assalito da una bordata di fischi e variopinte contestazioni.

Pisapia sommerso dai fischi

I trentamila spettatori seduti sugli spalti per godersi una partita tra vecchie glorie in onore dell’ex capitano e simbolo dell’Inter Xavier Zanetti non hanno  gradito la presenza del sindaco e gli hanno decretato un’accoglienza che non lascia dubbia sulla sua popolarità. A nulla è servita la sceneggiata messa in piedi da Pisapia della pulitura dei muri della città dopo il corteo del 1 maggio, “Nessuno tocchi Milano” si è rivelata un’operazione demagogica, accuratamente enfatizzata dalla grande stampa, a cominciare dal fedelissimo Fabio Fazio, i milanesi doc conoscono bene il curriculum del compagno Pisapia, paladino dell’estrema sinistra milanese e non curante del clima di violenza alimentato in queste settimane dai “bravi ragazzi che sbagliano”. Insomma non basta una spugnetta per lavarsi la coscienza, come gli hanno rimproverato Matteo Salvini e Giorgia Meloni.

Le contestazioni dal balcone

Pisapia non è nuovo a pesanti contestazioni. L’ultima risale a due giorni fa, quando, durante il corteo “Nessuno tocchi Milano”, una famiglia, che ha vissuto in prima persona la violenza del 1 maggio e si è vista bruciare le auto sotto gli occhi, si è affacciata sul balcone per gridare tutta la propria rabbia contro Pisapia che «mentre Milano bruciava era comodamente alla Scala».

Lo studente ribelle

Anche un mese fa, il compagno Pisapia venne duramente contestato da uno studente nel corso di un convegno al Teatro Dal Verme.  Alessandro, questo il nome dello studente, invitato a confrontarsi con il sindaco dal palco, ha preso il microfono chiedendo conto al sindaco delle sue performance, a cominciare dall’Imu e dalla questione dei rom. «Hai regalato soldi agli zingari mentre vedo nel mio quartiere gente che non arriva a fine mese…», gli ha urlato in faccia. Imbarazzo il sindaco ha risposto balbettando: «La questione è  che l’Imu non à stata pagata e l’abbiamo aumentata perché l’avrebbe pagata lo Stato. Dovresti informarti».

 http://www.youreporter.it/video_Pisapia_contestato_dal_balcone_Eri_alla_Scala_mentre_Milano_bruciava