Addio Province? La realtà dice il contrario. E svela il bluff di Renzi

Regioni, Province e sindacati compatte nel cercare di ritardare la mini-riforma di Delrio che negli annunci del governo doveva puntare all’abolizione delle province. Che invece sono ancora lì, a causa della “resistenza passiva delle Regioni” e delle stesse Province che non indicano il personale in soprannumero come racconta oggi Il Sole 24 Ore.

Province: sono ancora tutte lì, e la riforma Delrio?

“Non sono ancora chiare le destinazioni degli esuberi”, anche se il portale della mobilità è stato attivato ma è di fatto deserto. Alla fine l’unica certezza è la legge Brunetta, che però è vista come il fumo negli occhi dai sindacati per le possibili riduzioni di buste paga degli esuberi ed è al vaglio della corte dei Conti.

La riforma delle Province non causerà alcun risparmio

L’unica certezza sono i tagli del governo agli Enti locali, con la premessa (del governo) di un alleggerimento della pianta organica delle Province. Premessa solo sulla carta. Ma dal Governo nessuno vuole ammettere la sconfitta e “nessuno vuole fare un passo indietro”. Quanto alle Regioni, avrebbero dovuto approvare le leggi con le quali indicare le nuove competenze ma solo quattro l’hanno fatto.