Primo shock per Hillary Clinton: entra in un fast food e nessuno la riconosce

L’inizio non è promettente. Lei, Hillary Clinton, la donna sovraesposta a livello mediatico, pronta a correre per la Casa Bianca, la più famosa d’America, non viene riconosciuta per la strada. «E chi sarà mai?», si sono domandati gli americani presenti in un fast food. E la stampa, per non mortificarla, trova anche la scusa: è quello che Hillary voleva, confondersi tra la gente comune, essere una dei tanti. Una scusa un po’ puerile,

 Hillary Clinton ordina un hamburger e…

Ma veniamo all’accaduto: Hillary Clinton entra in un fast food, ordina un hamburger, e nessuna la riconosce. È accaduto in Ohio, durante una delle soste del suo viaggio verso l’Iowa a bordo di un pulmino. Scesa dal minivan ribattezzato Scooby, l’ex first lady è entrata in un ristorante della catena “Chipotle”, specializzata in cibo messicano, e come una comune cliente si è messa in fila. Ha fatto l’ordine di burritos e tacos ed è andata via senza che il cassiere si rendesse conto che davanti aveva la donna che potrebbe essere il prossimo presidente donna degli Stati Uniti. Hillary non solo è passata inosservata alla cassa, ma anche il resto dei clienti del ristorante non l’ha riconosciuta. Il manager del ristorante infine è venuto a sapere della cliente d’eccezione solo dopo la “soffiata” di un giornalista del New York Times. È stato allora che ha deciso di controllare le immagini delle telecamere a circuito chiuso e ha effettivamente visto che si trattava della Clinton. «Con quegli occhiali scuri – ha detto – è una signora come le altre». Proprio il messaggio che – secondo la stampa “amica” – Hillary vuole lanciare in questo avvio di campagna elettorale, rivolta agli Everiday Americans, agli americani di tutti i giorni, la gente comune. Impresa un po’ ardua per una donna che ha avuto i massimi ruoli negli States.