Puglia, Ncd contro Fitto: «Tutta colpa sua, ci porterà all’ennesima sconfitta»

Altra puntata della “guerra di Puglia” dove anche tra le forze che appoggiano Schittulli c’è braccio di ferro. Ncd contro Fitto, l’inferno scoppia all’improvviso, anche se già c’erano parecchie tracce: «Fitto ha confermato quello che ha fatto in passato. Quindici anni che perdiamo per colpa sua e perdiamo perché o comanda lui o non comanda nessuno. Questo ci sta portando a un’altra sconfitta». Lo ha detto il coordinatore di Ncd Puglia, il senatore Massimo Cassano, a margine del vertice che ha convocato perché il partito va verso una lista unica con il Movimento Schittulli, candidato alla presidenza della Regione Puglia.

Ncd contro Fitto: abbiamo tentato di unire il centrodestra

Continua l’attacco del coordinatore pugliese Ncd contro Fitto. «Io – ha infatti aggiunto Cassano – avevo previsto tutto mesi fa. E quando molti mesi fa dicevo che il centrodestra non era pronto per vincere una campagna elettorale in Puglia, lo dicevo perché conosco gli elementi che compongono il centrodestra in Puglia. Ho fatto di tutto – ha ricordato – per far accettare la candidatura di Francesco Schittulli da parte di Berlusconi che, inizialmente, aveva qualche perplessità. Abbiamo unito tutta l’area del centrodestra. Poi Fitto e, probabilmente, una conduzione non precisa di Schittulli da leader di questa coalizione, hanno portato alla spaccatura. Noi abbiamo fatto il nostro dovere. Siamo quelli che hanno indovinato tutte le mosse, quelli che avevano previsto tutta la situazione. Abbiamo la coscienza a posto e speriamo di essere premiati come lista per questa coerenza soprattutto per aver insegnato a qualcuno come si fa la politica. Quindi, da qui ripartiamo per cercare di aggregare sempre di più le forze che dovranno rappresentare l’area moderata in Puglia e in Italia». Crede ancora in una vittoria del centrodestra in Puglia? «Non credo più a niente e nessuno, perché credo che gli interlocutori non siano all’altezza della situazione per gestire una ricostruzione del centrodestra. Quindi io vado avanti con il nostro progetto e poi vedremo il giorno dopo le elezioni».