Papà in fuga con il figlioletto: è stato individuato in Spagna a Ciudad Real

Enzo Costanza, il papà torinese in fuga da martedì col figlio di due settimane, ha fatto un pieno di carburante a Ciudad Real, nel centro della Spagna, giovedì pomeriggio. È quanto emerso dagli accertamenti sulle carte di credito dell’uomo. Si presume, dunque, che stia viaggiando in direzione del Portogallo. Da quel momento l’uomo e il bambino sono come spariti nel nulla. Continua, dunque, l’attività di ricerca condotta da carabinieri, gendarmeria francese e guardia civil spagnola.

Papà in fuga, l’uomo è indagato per sottrazione di minore

Da martedì pomeriggio il piccolo è in viaggio col padre, un impiegato di 38 anni affetto da qualche disturbo per i quali era in cura da uno psichiatra. «Non è mai stato un uomo violento, con il bambino era affettuoso e protettivo. Non so che cosa gli stia passando per la testa», ha detto la mamma del piccolo, Stefania C., ai carabinieri che da Torino coordinano le ricerche. Secondo gli inquirenti Enzo Costanza potrebbe avere pianificato la propria fuga. «Domenica Enzo è uscito per andare a fare una passeggiata – ha riferito la donna – ed è stato fuori quasi tutto il giorno. Quando è tornato, mi ha detto che era stato in Francia». Non è escluso che abbia pianificato la prima parte della sua fuga, che è poi proseguita fino alla Spagna, dove è stata rintracciata la sua auto. L’uomo è indagato per sottrazione di minore dalla procura subalpina, che ha aperto un’inchiesta sulla vicenda. Ma la priorità dei militari dell’Arma è riportare a casa, sano e salvo, il bambino.