Gli 80 anni di Gianni Letta: liberò la Sgrena ma la sinistra lo odia

Compie ottant’anni oggi Gianni Letta, il grande tessitore della politica italiana. Da trent’anni al fianco di Silvio Berlusconi che ha detto di lui “è un dono di Dio all’Italia”’. Il Cav, in effetti, non ha mai nascosto la sua profonda ammirazione per lo strettissimo e fidato consigliere. Letta, nato ad Avezzano il 15 aprile del 1935, zio dell’ex premier Enrico, è un abile tessitore di rapporti, che alla scena illuminata dai riflettori preferisce il ruolo di regista o di suggeritore: la sua arte diplomatica, riconosciuta anche dagli avversari, resta sovente nell’ombra, ma in due occasioni si è rivelata agli occhi del Paese: la prima volta, quando nella sala da pranzo della sua casa alla Camilluccia, mangiando la celeberrima crostata preparata dalla moglie, D’Alema e Berlusconi strinsero il famoso patto per le riforme istituzionali; la seconda, quando dal suo ufficio di palazzo Chigi, in un inconsueto via vai di 007 e giornalisti del Manifesto, condusse le trattative per la liberazione di Giuliana Sgrena, rapita dalla guerriglia irachena. Operazione che costò la vita dell’agente del sismi Nicola Calipari che seguì le operazioni sul campo. Enfant prodige del giornalismo, Letta si è fatto le ossa al ”Tempo” di Roma. Nel 1973, a soli 38 anni, fu scelto come direttore dal fondatore del quotidiano Renato Angiolillo. Ci restò per quattordici anni, conducendo il giornale con mano ferma e modi cortesi, senza cambiare la collocazione cattolico-conservatrice della testata.

Gianni Letta e la chiamata di Berlusconi

Nell’87 arrivò la chiamata di Berlusconi alla Fininvest: il Cavaliere lo volle al suo fianco in un ruolo di mediatore con il potere politico che si rivelo’ utilissimo negli ultimi anni della prima Repubblica. Ovvio che nel ’94, quando il cavaliere si presentò alle elezioni, Letta fosse ancora al suo fianco. L’unica condizione posta, quella di non essere candidato al Parlamento. Fedele al suo ruolo di colomba,non si ricorda di lui una sola scenata in pubblico: mai una polemica, mai un’intervista sopra le righe. Rapporti sempre cordiali, sia con gli alleati, che spesso cerca di tenere a freno, sia con gli avversari. Eminenza grigia del governo, “dottor sottile” del centrodestra, Richelieu o Mazzarino (nato come lui nell’Abruzzo marsicano) di Forza Italia, Letta è in realtà l’unico ambasciatore accreditato di Berlusconi, il suo unico alter ego autorizzato. Nel 2006 il leader di Forza Italia lo propose per la presidenza della Repubblica e quello di Letta figura sempre nei toto-nomi per il Quirinale. Stimato anche da Matteo Renzi è tra i fautori del patto del Nazareno sulle riforme.