Controlli in un campo nomadi a Roma: due arresti e veicoli “sospetti”

Due arresti, due denunce e 600 persone controllate. È il bilancio dei controlli straordinari della Polizia di Stato presso il campo nomadi di via Luigi Candoni a Roma. Verifiche che si sono svolte nell’arco di tutta una giornata e che hanno visto impegnati oltre gli agenti del Commissariato San Paolo – competenti per territorio – anche gli uomini del Reparto Prevenzione Crimine, della Squadra Cinofili, del Reparto Mobile e della Polizia Stradale.

Un campo nomadi nel mirino delle indagini

Nel corso delle attività sono state effettuate verifiche all’interno del campo iniziando dal controllo delle persone sottoposte alla misura degli arresti domiciliari. Una di loro, trovata all’esterno, è stato denunciata per evasione. Sono stati poi individuati due uomini con a carico un mandato di cattura per scontare, l’uno cinque mesi di reclusione per una condanna per falso e l’altro otto mesi per reati contro il patrimonio. Denunciato infine un uomo poiché non aveva ottemperato all’ordine di lasciare il territorio nazionale. In tutto sono state identificate circa 600 persone e controllati settanta veicoli, cinque dei quali sprovvisti di copertura assicurativa; un altro veicolo è invece sottoposto ad accertamenti in quanto di probabile provenienza furtiva. Sette cittadini, non in regola con i documenti, sono stati inoltre accompagnati presso l’Ufficio Immigrazione della Questura in via Teofilo Patini per accertamenti sull’identità personale.