Cernobyl, torna l’incubo: incendio nei boschi intorno alla centrale

L’allarme è scattato poco prima dell’una, all’ora di pranzo. È in fiamme una foresta nella zona di esclusione di Cernobyl, teatro 29 anni fa del più grave incidente nucleare della storia. Lo scrive la Tass citando la protezione civile locale. «Non c’è nessun pericolo» per la popolazione, ha assicurato un portavoce del ministero delle Emergenze, Ruslan Zaicenko, anche perché probabilmente di popolazione ne è rimasta ben poca. In fiamme sono andati per ora oltre 320 ettari di bosco. La situazione è difficile perché le fiamme sono alimentate da un forte vento. Secondo la Bbc ucraina, sono stati evacuati due insediamenti all’interno della zona di esclusione: Cernobyl e Ivankov. Zorian Shkiriak, capo del servizio di Stato per le situazioni di emergenza, sostiene che i vigili del fuoco hanno arrestato l’avanzare delle fiamme verso la centrale nucleare.

Le fiamme a Cernobyl sono alimentate dal forte vento

Nello spegnimento del rogo sono impegnati 182 pompieri, 32 mezzi tecnici, due elicotteri (un Mil Mi-8 e un Eurocopter) e due aerei An-32P. Ironia della sorte, il furioso incendio nella zona di esclusione di Cernobyl si è verificato alla vigilia della riunione, mercoledì a Londra, dei contributori del fondo per il sarcofago destinato a mettere in sicurezza la centrale. Un incontro promosso dal G7 allo scopo di raccogliere altri fondi per completare la copertura dell’impianto, entro la nuova scadenza di metà 2017. All’appello mancano ancora 615 milioni di euro. Proprio lunedì, durante il vertice Ucraina-Ue a Kiev, il presidente della commissione europea Jean-Claude Juncker ha annunciato che Bruxelles stanzierà altri 70 milioni di euro, mentre la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers) intende contribuire con altri 350 milioni di euro. Il resto (195 milioni) dovrebbero metterlo contributori privati. Sia Ue che Usa stanno concedendo tutto all’Ucraina in questo periodo, stante la contrapposizione di Kiev con l’odiata Mosca. Ma questa guerra Ue-Usa contro la Russia per ora sta facendo danni all’Europa.