Il solito show di Renzi con i bambini, stavolta per cantare “Bella ciao”

Lo scorso anno Matteo Renzi aveva iniziato il suo mandato da premier auto-nominato con un forte impegno sulla scuola. Anzi, nella scuola, nel senso che i primi tre mesi aveva fatto visita ad alcune scolaresche delle elementari trovando ad accoglierlo maestre adoranti e bambini “convinti” a cantare canzoncine in suo onore: “Ti salutiamo tutti insieme Presidente Renzi, muoviam la testa, facciamo festa…”. Poi di quella cosa delle scuole Renzi s’è dimenticato, anche perché in molte aule hanno iniziato a crollare solai e intonaci, a dispetto dei suoi annunci sulla ristrutturazione degli edifici. Poi arrivò la stagione dei coretti sotto Palazzo Chigi, come documentò il Secolo con questo video. Ora siamo al “Bella ciao” con i bambini in versione partigiana.

La visita di Renzi a Marzabotto

Leggiamo le cronache dell’Istituto Renzi: “Il premier Matteo Renzi ha proseguito la sua giornata a Marzabotto visitando la zona di Montesole dove si è compiuto l’eccidio. Ad accoglierlo di fronte alla Scuola di Pace una ventina di bambini delle scuole medie del paese bolognese che hanno messo in scena alcuni momenti della Resistenza, dalla storia dei fratelli Cervi alle vicende della staffetta partigiana Franco Fontana, che ha assistito accanto al premier. Al termine Renzi ha cantato Bella ciao insieme ai bambini”. La doverosa commemorazione dei morti doveva proprio finire con lo show canterino con i bambini?