Tosi si candida: voglio parlare a tutto il centrodestra, senza preclusioni

Flavio Tosi si candida a presidente della Regione Veneto con una propria lista: la notizia adesso è ufficiale. Il sindaco di Verona lo ha annunciato in una conferenza nel salone della Fiera della città, che arriva dopo la “cacciata” dalla Lega.

Tosi si candida e parla a tutto il centrodestra

Si è messa così in moto la macchina di “Ricostruiamo il Paese”. Questo lo slogan  cui ha fatto seguito quello che  Fabio Venturi, coordinatore della Fondazione, ha definito «un annuncio voluto dalla gente che chiesto a Tosi un passo deciso». Appena aperto il tesseramento al banco di “Ricostruiamo il Paese” una ventina di persone ha dato subito la propria adesione. Tra i presenti in sala, alla Fiera, c’erano i consiglieri regionali Luca Baggio e Matteo Toscani, oltre ai parlamentari Matteo Bragantini e Manuela Munerato.«Annuncio la partenza di un progetto politico». Ha detto al Gr Rai il sindaco di Verona. «Quelli che in maniera subdola e meschina cercano di farmi fuori si inventano un’alleanza per le regionali con Corrado Passera, quando Corrado Passera a queste regionali non è presente. Io parlo con tutta l’area di centrodestra – vuol dire Forza Italia, vuol dire l’Ncd, vuol dire tutto il centrodestra – ma questo è uno scenario nazionale».

La frecciatina a Salvini

«Adesso – ha spiegato Tosi – siamo uomini liberi perché qualcuno ha fatto per noi una scelta diversa forzando la mano. Il nostro – ha aggiunto – sarà un programma elettorale  basato sul fare e non sul dire. Oggi non vi dico il quadro elettorale se no si brucia tutto subito. Poi è stata una cosa a cui non ero neanche preparato». Quindi la fecciatina a Matteo Salvini.  «Nemmeno Renzi avrebbe fatto quello che ha fatto lui con la sua minoranza interna». «E io – ha aggiunto commuovendosi –  ho alle spalle 25 anni di storia personale e di affetti in Lega».