Tosi ha deciso, si candida contro Zaia: “Non mi ritirerò a vita privata”

Tosi ha deciso: si candida contro Zaia. L’annuncio ufficiale della sua candidatura per le regionali in Veneto lo farà questo fine settimana (sabato mattina). L ’indiscrezione è confermata dall’entourage del sindaco di Verona. Tosi farà l’annuncio dal palco della manifestazione in Fiera in cui ha chiamato a raccolta i suoi fedelissimi, organizzata dalla Fondazione “Ricostruiamo il Paese”.

Un sabato leghista

Tutto in un giorno. Un sabato leghista , che svelerà ambizioni e progetti degli uomini del Carroccio in Veneto. Il Tosi-day a Verona, il nuovo tour di Salvini con il governatore Zaia, e la prima riunione del consiglio nazionale della Liga presieduto dal commissario Dozzo dopo l’azzeramento della segreteria tosiana.

“Domani si inizia un nuovo  percorso”

Tosi ha avuto nella giornata di venerdì  alcuni incontri riservati, uno probabilmente con i parlamentari – un gruppetto di 7-8 tra deputati e senatori, guidati dalla compagna del sindaco, Patrizia Bisinella – che potrebbero staccarsi dal partito e seguire il suo progetto in Veneto. “Domani si inizia un nuovo percorso. Posso solo dire che escludo di ritirarmi a vita privata e non fare più politica e che domani qualcosa si porta avanti” ha detto in serata Tosi. Il commissariamento deciso da Via Bellerio potrebbe intanto riportare l’orologio indietro di un paio d’anni in Veneto, all’epoca delle epurazioni dei bossiani decise dal sindaco veronese. Salvini ha infatti annunciato che i casi dei leghisti veneti espulsi da Tosi verranno riesaminati con attenzione, per valutarne il rientro nel partito. La prima risposta di Paola Goisis, ex parlamentare bossiana cacciata da Tosi, è stata al vetriolo: “Prima le scuse. Tosi fece il lavoro sporco, ma i mandanti furono Roberto Maroni e Matteo Salvini”.

E Alfano sta in finestra

Angelino Alfano, leader di Ncd, sta al momento alla finestra: “Flavio Tosi – ha detto – non ha ancora scelto se candidarsi in Veneto, quando lo farà valuteremo”. Ma non è l’unico ad aspettare le mosse del ribelle di Verona.