Salvini: “Basta cure ai clandestini. Chi rimborsa le regioni?”

Matteo Salvini e le cure agli immigrati “clandestini”: stop se lo Stato non rimborsa le regioni. «Gli immigrati clandestini hanno “diritto” ad essere curati gratis. La Regione Lombardia ha speso oltre 100 milioni di euro per queste cure e visite, soldi che lo Stato dovrebbe rimborsare. Ma lo Stato non ha ancora rimborsato una lira…». Lo scrive su Facebook il segretario della Lega Nord che aggiunge: «Fosse per me, da domani mattina sospenderei qualsiasi prestazione ai clandestini, finché qualcuno pagherà. Per qualcuno sarà razzismo, per me è giustizia e buon senso. Vi piace?».  Poi parlando a Radio Padania è ritornato sull’argomento: «La legge prevede che per sei mesi vengano fornite gratis tutte le cure agli stranieri temporaneamente presenti sul territorio. Ma se lo Stato non paga noi chiediamo di bloccare tale assistenza finché qualcuno non paga. Sennò finisce che ci mettiamo anche noi a fare i falsari, che tanto vogliono depenalizzare il reato, e distribuiamo tesserini per cure gratis ai… padani temporaneamente presenti sul territorio».

L’idea di Salvini ottiene 20mila “mi piace”

In risposta il leader della Lega sulla sua pagine Fb ha ottenuto oltre 20mila “mi piace” e il suo post è stato “condiviso” da circa 1.500 utenti sulle loro pagine. Tra i circa duemila commenti difficile trovare opinioni contro Salvini. Per esempio c’è chi come Gabriella ricorda che «sua figlia per entrare a lavorare in Australia ha dovuto presentare un certificato di buona salute correlato da tutta una serie di analisi, dentista compreso, ovviamente tutto a nostre spese. Perché io devo pagare per altri che arrivano in Italia, senza che abbiano mai contribuito a creare nulla». E Alessandro scrive: «E noi paghiamo il ticket pure al pronto soccorso». Qua e là spuntano voci contrarie, ma davvero poche. Si va da chi dà a Salvini del razzista a chi lo accusa di mancanza di umanità, come Stefano (bollato come renziano e “buonista del…”): «Io sospenderei definitivamente il tuo stipendio .. vorrei vedere te al loro posto.. vorrei vedere te in un gommone malandato senza cibo e acqua per giorni..quella è gente disperata! E gli vuoi levare le cure mediche?».

Le reazioni del Pd e l’ok della Lega

«Matteo Salvini vietare le cure mediche ai clandestini. In fondo perché curare chi non è italiano, bianco e leghista?! Razzista». Questa la risposta via Twitter del senatore Franco Mirabelli, capogruppo Pd in commissione Antimafia. Dal canto suo il vicepresidente del Consiglio regionale della Lombardia, Fabrizio Cecchetti della Lega si è subito attivato: «Chiederò alla giunta di avviare le procedure necessarie per sospendere le cure ai clandestini, almeno fino a quando il governo non avrà rimborsato le spese che abbiamo sostenuto fino ad oggi».