Repetti: «Forza Italia rischia il collasso, Berlusconi prenda le redini del partito»

«A Berlusconi ho espresso preoccupazione per il nostro partito e per il centrodestra, che rischia di collassare. È difficile che ci sia un gruppo che, a nome di Berlusconi, possa agire e decidere su tutto e su tutti con il rischio di non essere riconosciuto dal partito». Così la senatrice Manuela Repetti (Forza Italia), intervenendo ad Agorà, su Rai3.

Repetti: «A Berlusconi ho detto che…»

«Berlusconi – ha aggiunto Repetti – mi è sembrato consapevole della necessità di affrontare i problemi enormi che ci sono in questo momento, a cominciare dalle faide interne che sono sotto gli occhi di tutti. Gli ho espresso l’urgenza che il presidente riprenda in mano le redini del partito. Per queste ragioni ho congelato le mie dimissioni in attesa che si realizzino questi cambiamenti. Per salvare Forza Italia e il centrodestra bisogna risolvere le questioni interne del partito e rifare nostre quelle battaglie che erano di Forza Italia e che, oggi, in parte conduce la Lega e in parte ci ha scippato addirittura Renzi».

 Ripatire senza conflitti interni

«Per superare i contrasti e le sterili dispute nello schieramento di centrodestra o i conflitti all’interno degli stessi partiti – dice a sua volta deputato Giuseppe Galati–  bisognerebbe che tutti si fermassero e riflettessero su qual è e quale deve essere l’obiettivo prioritario, in Italia, di una coalizione alternativa al governo Renzi. Credo – aggiunge – che tutte le forze politiche concorderebbero sulla necessità’ di realizzare un programma liberale che punti innanzitutto a rilanciare la crescita e quindi l’occupazione tagliando tasse insopportabili, aumentate dal 41,6 per cento al 43,5 per cento a partire dal 2011 con Monti ad oggi con Renzi, e spesa pubblica inefficiente. Dovremmo ripartire da qui per ricostruire un centrodestra forte».