La Rai secondo Renzi: il capo azienda lo nomina il governo

Il consiglio dei ministri ha avviato l’esame del ddl di riforma della Rai ma la discussione continuerà. Matteo Renzi ha anticipato alcuni punti del provvedimento: “immaginiamo – ha detto – un Cda della Rai più ristretto, la cui maggioranza sia eletta dal Parlamento in seduta comune e con un membro espressione dei dipendenti Rai”. “Il governo – ha aggiunto – crediamo abbia il dovere più che il diritto di individuare il capo azienda che deve passare dal voto di conferma del cda”. Ancora, la riforma della Rai prevede una rete “senza pubblicità” destinata “alla cultura non in senso noioso e passatista ma come arricchimento della persona umana”.