Niente taxi ai Fori Imperiali, ora Marino sfida anche il ministero

Il Ministero dei trasporti dà l’ok per il transito dei taxi su via dei Fori Imperiali, ma il sindaco Marino ribadisce il suo no. E torna il braccio di ferro tra l’Amministrazione capitolina e i tassisti. I sindacati nel pomeriggio hanno dato la notizia del via libera su via dei Fori Imperiali dicendo “giustizia è fatta” grazie ad un ricorso presentato al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, dall’Avvocato Marco Giustiniani dello studio legale Pavia Ansaldo che consentiva il transito di due mesi. Ma per stessa ammissione delle strutture sindacali -Ugl taxi, Federtaxi Cisal, Fit Cisl taxi, Uil Trasporti taxi, Ati taxi, Usb settore taxi e Associazione Tutela Legale Taxi – la decisione era temporanea “in attesa della valutazione definitiva del Ministero che non arriverà prima di due mesi”. Ma in serata il Campidoglio è perentorio: nessun taxi potrà percorrere via dei Fori Imperiali tra piazza del Colosseo e Largo Corrado Ricci.

Il no di Marino ai taxi nonostante tutto…

Con una nota l’assessorato alla Mobilità ha spiegato che dopo il ricorso al ministero dei lavori pubblici due giorni fa il Campidoglio ha riconfermato la disciplina del traffico “con una Determina Dirigenziale n. 228 del 16 marzo 2015”. Riconfermando che le uniche eccezioni al divieto di transito riguardano “i mezzi del Trasporto Pubblico di Linea (Atac) e velocipedi”. “Ciò anche al fine di acquisire ulteriori elementi di valutazione – conclude la nota dell’assessorato – in relazione al comprovato miglioramento delle condizioni di vivibilità dell’area del Centro Storico”. Valutazione su cui i sindacalisti dei taxi non concordano visto che definiscono la zona a traffico limitato istituita ai Fori Imperiali “una nuova corte dei miracoli: saltimbanchi, giocolieri, venditori abusivi, false guide turistiche e un nuovo irregolare servizio di trasporto ecologico, i cosiddetti risciò, gestito da operatori che – per quanto risulta – non sarebbe in possesso delle autorizzazioni previste dalla legge”. E si augurano quindi che “dopo l’ennesima delibera sballata del duo Marino e Improta, questa possa essere l’occasione per avviare una seria riflessione, anche in previsione dell’evento giubilare, ed una opportunità per aprire un confronto reale con le rappresentanze di settore sul problema della mobilità urbana”. Consiglio che arriva anche dal capogruppo della Lista Marchini in Campidoglio Alessandro Onorato: «Il Comune non aspetti l’ennesima bocciatura: faccia marcia indietro e ritiri il divieto per i taxi di percorrere via dei Fori Imperiali». Bocciatura sulla mobilità che arriva dopo lo stop del Tar agli aumenti dei pass Ztl e delle strisce blu. Ma Marino ha già annunciato per il Giubileo la completa pedonalizzazione di via dei Fori che renderebbe la strada off limits anche al trasporto pubblico.