“Stato di m…a”. Salvini esagera in radio e il Pd invoca subito il processo

Quello italiano è “uno Stato di merda”: lo Stato “che sfratta due cittadini 70enni è lo stesso Stato italiano di merda che offre colazione, pranzo e cena a decine di migliaia di immigrati”. Lo ha detto il segretario leghista Matteo Salvini che a Radio Padania ha commentato la notizia di una coppia di anziani in difficoltà economiche. L’espressione usata da Salvini è stata subito presa a pretesto dal Pd per montare un caso politico.

Ginefra invoca l’intervento dell’autorità giudiziaria

Così il deputato Pd Dario Ginefra ha commentato: “Salvini questa volta è davvero andato oltre e mi auguro che l’autorità giudiziaria proceda contro la sua persona ai sensi dell’art. 290 c.p.” Ginefra si augura anche che la Lega “prenda le distanze dal suo segreterio e che lo stesso Salvini chieda scusa agli italiani”. L’art. 290 punisce il vilipendio della Repubblica, delle istituzioni costituzionali e delle forze armate con una multa dai 1000 ai 5000 euro.

Salvini replica il concetto su Fb

A sinistra si configura in pratica la solita doppia morale: magari difendono Erri De Luca per le sue idee sul sabotaggio della linea ad Alta velocità mentre Salvini non può esprimere liberamente le sue idee durante una conversazione alla radio. Il concetto è stato ripreso da Salvini anche su Fb: “Lido di VENEZIA, programmato per oggi lo SFRATTO di due coniugi italiani di settant’anni, con un figlio disoccupato. Il Tribunale di Belluno non ha voluto sentire ragioni, l’appartamento dei due anziani deve tornare nelle mani dello Stato. Proprio uno Stato di M…A, che al Lido di Venezia mette in mezzo a una strada due anziani, ma trova i soldi per pagare vitto e alloggio a decine di immigrati, appena arrivati in Italia. Renzi e compagni, non lo fate un tweet su questa vergogna?”. Il post di Salvini ha avuto, al momento, 16.220 like.