I misteri del Novecento e gli eroi della Grande Guerra su “Storia in Rete”

Riflettori sul Novecento.

Puntuale in edicola, Storia in Rete di febbraio-marzo propone un tuffo fra Medioevo e i nostri giorni con la vicenda degli Antipapi: protagonisti di un nuovo saggio di successo di Elena Percivaldi, che ci racconta come la Chiesa di Roma minacciò più volte di spaccarsi sotto più successori di Pietro.

Dal passato al presente, per parlare con Roberto Olla, già responsabile del TgStoria (purtroppo chiuso dalla Rai), di storia in tv, documentari e decadenza culturale dell’Italia: un paese che possiede il 70% del patrimonio storico-artistico mondiale e non riesce a produrre i propri documentari, ma ne importa dall’estero.

Il Novecento, la guerra civile, Giovanni Gentile

La rivista — diretta con mano sicura da Fabio Andriola — apre quindi un lungo capitolo sul Novecento: si conclude con questo numero la lunga inchiesta di Gian Paolo Pelizzaro sui veri moventi dell’attentato di Via Rasella (una inchiesta che verrà riproposta in edizione integrale in un prossimo dossier assieme ad altro materiale inedito e a tutto ciò che Storia in Rete ha finora pubblicato su quella pagina controversa della Guerra Civile); si passa alle contraddizioni di Calamandrei, il giurista cantore della Resistenza che durante il Ventennio fu uno dei principali autori delle riforme giudiziarie del Regime. Quindi l’omicidio di Giovanni Gentile, ricostruito in un recente e pluripremiato saggio: Storia in Rete ne parla con l’autore, Luciano Mecacci.

Continua a leggere l’articolo su http://www.destra.it/papi-antipapi-e-i-misteri-del-novecento-il-nuovo-numero-di-storia-in-rete-e-in-edicola/