Fitto punta sui Ricostruttori: «Ridaremo respiro a Forza Italia»

«È chiaro a chiunque abbia un minimo di onestà intellettuale che l’iniziativa dei Ricostruttori, che sto animando insieme a decine di parlamentari e a tanti dirigenti sul territorio, serve proprio a ridare respiro e prospettiva a Forza Italia» Così Raffaele Fitto, parlando di «condizione necessaria per un rilancio vero del centrodestra».  Per il deputato di Forza Italia, «è per questo che, in tutta Italia c’è un’ondata di attenzione e di simpatia nei confronti della nostra iniziativa, dell’accento che noi mettiamo sia sul “basta nominati” sia sui contenuti, per tornare a parlare agli elettori indecisi e astenuti. Ancora una volta, gli elettori e i militanti hanno compreso l’essenziale prima e meglio di alcuni dirigenti. Altrimenti, se le cose continuano così, il nostro partito avrà sempre meno eletti e sempre più commentatori del Salvini-pensiero…».

Vitali sollecita Fitto: per le regionali che fai?

«Ci sarà una sana competizione tra Forza Italia e la lista che farà riferimento a Fitto. Questo raddoppierà i voti e non li dimezzerà». Lo ha detto parlando con i giornalisti il commissario di Forza Italia Puglia, Luigi Vitali, a proposito delle candidature per le prossime regionali in Puglia. Per Vitali, «se Fitto non fa la lista che io mi aspetto da lui, non perché deve mettere i suoi che io non candido ma perché lui l’ha sempre fatta, si assumerà una gravissima responsabilità nei confronti della Puglia e degli elettori». Vitali ha poi rivolto «un invito a Fitto: lui è europarlamentare del Mezzogiorno, eletto con una messa importante di voti in Puglia, e io lo voglio in Puglia a fare la campagna elettorale perché in Piemonte e in Veneto onestamente non so quale tipo di contributi possa dare». «Faccia la lista – ha aggiunto – io non ho preclusione e pregiudizi nei confronti di nessuno, però non sono venuto qui a farmi insultare». «Lui – ha proseguito – è un leader, sicuramente è il leader regionale, poi si sta ritagliando un ruolo da leader nazionale e io glielo auguro». «La battaglia – ha ribadito – noi la facciamo qui. Lui ha detto il giorno dopo la designazione di Schittulli che era il suo candidato e che avrebbe fatto campagna elettorale pancia a terra”. “Io lo vedo e lo leggo in giro per l’Italia – ha rilevato – e non ho ancora letto di nessuna sua iniziativa in Puglia».