Il dolore della famiglia di Meredith: «Siamo scioccati, com’è possibile?»

Hanno atteso per anni di sapere la verità. Tutta la verità. Una figlia uccisa, un dolore insuperabile per i genitori. Una sorella uccisa, un altro dolore insuperabile per chi è cresciuto con lei. «Siamo allibiti…» sono state le prime parole di Stephanie Kercher, un secco commento non appena appresa la sentenza della Cassazione sull’omicidio della sorella Meredith. Lo ha fatto al telefono con uno dei suoi legali, l’avvocato Francesco Maresca.

I familiari di Meredith: una sentenza “strana”

La famiglia ha atteso a Londra la sentenza della Cassazione su Raffaele Sollecito e Amanda Knox. «Ci sono state poche parole», ha detto ancora l’avvocato Maresca. «Lei mi ha chiesto se ci sarebbe stato un altro appello – ha aggiunto – e io le ho dovuto rispondere di no…». Lacrime che si aggiungono alle tante lacrime già versate. Arline Kercher, madre di Meredith Kercher, si è detta «sorpresa e molto scioccata» dopo la sentenza della Cassazione. È quanto riferisce la Bbc. La madre di Mez ha detto che non conosce ancora i dettagli della sentenza. Riferendosi ad Amanda Knox e Raffaele sollecito ha affermato: «Sono stati condannati due volte ed è quindi un po’ strano che sia potuto cambiare ora». Alla domanda se ha qualche piano ha risposto: «Non lo so proprio al momento, non ho alcun piano».