100 mila iniziative on line al giorno: ecco come l’Isis impazza sul web

Gli esperti di social media dell’Isis producono circa 100 mila nuove iniziative di propaganda online ogni giorno, fra cui programmi di fitness per i combattenti potenziali ed effettivi, applicazioni per smartphone e giochi elettronici ideologici: la promozione online del suo ‘brand e stile di vita’ rappresenta una sfida estrema per le autorità. E’ la constatazione dei principali esperti di sicurezza australiani riuniti presso l’Australian National University in un forum sull’estremismo e i social media organizzato dall’Australian Security Research Centre. E’ stato rilevato che la crescita di materiale estremista in rete avanza in maniera esponenzialmente più rapida delle capacità degli Stati di rispondere.

l’Isis impazza sul web

Secondo il docente di sicurezza nazionale della Charles Sturt University, Levi West, esperto di tecnologia nel terrorismo, l’Isis è ormai il ‘leader di mercato’ nella propaganda online, ricorrendo a una serie di metodi che vanno da video di qualità con “militanti che danno caramelle ai bambini” a guide pratiche per ‘foreign fighters'”. “Non dobbiamo sottovalutare la loro competenza tecnica. E’ un inseguimento senza fine: per ogni conto Twitter soppresso, se ne apre un altro”, ha detto. West e altri esperti hanno suggerito che i governi cerchino di raccogliere intelligence dai siti dello Stato Islamico invece di tentare di chiuderli. Il ministro dell’Immigrazione Peter Dutton ha riferito sul programma del governo rivolto a gruppi comunitari e giovani vulnerabili, con iniziative di educazione e inclusione sociale. L’obiettivo è di promuovere ‘narrative’ religiose e ideologiche alternative, per controbattere gli argomenti ideologici dell’estremismo, concentrandosi sulle “condizioni positive dell’Australia, un paese democratico unito da valori sociali, tolleranza e libertà”.