Urbani decreta la fine del Cav: «Il premier gli ha dato il colpo definitivo»

«La storia di Silvio Berlusconi non finisce in gloria. Renzi gli ha dato il colpo definitivo. D’altronde, se per cose del genere ti affidi a Verdini, come vuoi che finisca? Uno con un minimo di cultura politica l’avrebbe capito subito che Renzi, di fronte al Quirinale, sarebbe partito dall’ unità del suo partito. E’ un ragionamento elementare. Berlusconi invece s’ è affacciato alla trattativa con degli uomini che non solo non capiscono nulla di strategia, il che sarebbe già grave, ma nemmeno di tattica». Così Giuliano Urbani, tra i fondatori di Forza Italia, in un’intervista al Corriere della Sera. «Credo che politicamente, e questo è un male anche per il Paese, sia finito. Un po’ è colpa dell’età, un po’ delle vicende giudiziarie. Ma questo è un processo irreversibile anche dal punto di vista elettorale, visto che Silvio s’è messo nelle condizioni di finire stretto tra Salvini e Renzi», osserva Urbani. «Non ha realizzato la rivoluzione liberale ed è colpa di carenza di cultura politica. Berlusconi, in fondo, non ne ha. Bravissimo nella comunicazione, certo. Ma poco di più. Renzi deve stare attento a non finire allo stesso modo». Intervistato anche dal Messaggero, Urbani invita Berlusconi a «farsi da parte» e a prendere atto che «una stagione è finita», «la rivoluzione liberale non c’è stata» e il centrodestra «va completamente rifondato».