Ucraina, al via il vertice a quattro. Militari Usa a Kiev per l’addestramento

Riflettori puntati sul vertice a quattro (Putin, Merkel, Hollande e Poroshenko), in formato Normandia, in corso a Minsk (accreditati oltre 400 giornalisti) nel quale si affronterà l’inferno in Ucraina. Al centro del dibattito i nuovo piano di pace per il martoriato sud-est ucraino, che anche oggi registra un alto numero di vittime per l’intensificarsi dei combattimenti. E cresce la pressione da Bruxelles dove fonti Ue fanno sapere che nel caso di «un chiaro fallimento» in Bielorussia, i 28 si preparano a superare la fase 3 contro Mosca «con un inasprimento delle sanzioni economiche».

L’Sos di Poroshenko

«Chiederemo – ha detto il capo di Stato ucraino Poroshenko – di fermare la guerra, il ritiro delle truppe e l’inizio di un dialogo politico senza alcune interferenza esterna». Intanto militari statunitensi si trovano in Ucraina per discutere dell’addestramento della guardia nazionale di Kiev. Lo fanno sapere alcuni media russi e ucraini spiegando che il processo di formazione partirà in primavera e si svolgerà in tre tappe. All’incontro di oggi era presente il comandante dell’Accademia dell’esercito ucraino, tenente generale Pavel Tkachuk. 

La voce grossa di Putin

Prima di volare al summit, Putin ha confermato l’avvertimento agli Usa di utilizzare le armi, dopo che Barack Obama, denunciando l’escalation del conflitto, aveva invitato lo “zar” a cogliere l’occasione negoziale di Minsk per rivedere le sue mosse. Si sarebbe trattato di una telefonata tesa tra i due capi di Stato, anche se il Cremlino ha fornito una versione diversa, secondo cui i due leader avrebbero sottolineato «l’importanza di una soluzione politica dei problemi interni dell’Ucraina attraverso il dialogo» e la necessità di mettere «’della fine al più presto allo spargimento di sangue».

Ancora morti

Tutto questo nel giorno in cui un un colpo di artiglieria ha centrato una stazione di autobus a Donetsk, in Ucraina orientale, baluardo dei separatisti, causando la morte di almeno 6 persone e il ferimento di altre  otto mentre due minibus sono andati in fiamme mentre sono saliti a 19 i soldati uccisi e 78 quelli rimasti feriti nelle ultime 24 ore nella sacca di Debaltseve, dove i separatisti stanno accerchiando le truppe di Kiev.