“Svolta fashion”, la logora sinistra polacca si affida alla bella Magdalena

Polemiche e ironie si sprecano in Polonia per la “svolta” del logoro partito socialdemocratico, che in vista delle presidenziali di maggio, cala l’asso e  candida l’avvenente Magdalena Ogorek, bella, bionda, ex presentatrice televisiva, 35 anni, un cognome che significa «cetriolo», che le sta costando facili ironie e zero esperienze politiche. Un curriculum niente male per è il nome a sorpresa scelto dal Sld, il partito che guidava la Polonia fino a una decina d’anni fa ma che nel tempo è stato superato da tutti, da destra, da sinistra, dal centro. Praticamente a terra.

Ciclone-Magdalena

Riuscirà la bella Magdalena a risollevare i consensi della vecchia socialdemocrazia? La Ogorek, recentemente consulente della Banca centrale polacca per i media, sulla carta ha poche possibilità di fronte all’uscente Bronislaw Komorowski, di Piattaforma Civica. Eppure il rumore che l’avvolge e le prese in giro senza pietà, chissà che non le procurino qualche soddisfazione. In fondo una svolta, sia pur fashion, va premiata. E il partito che un tempo era guidato dal presidente Alexsandr Kwasniewski conta di risollevare i consensi soprattutto tra i giovani. Per ora lo charme la sta dando solo il terzo posto nei sondaggi, ma l’ex Pc della dittatura, il partito  ora divenuto socialista e affiliato al Ppe europeo, ci prova ugualmente, tentando di… togliere il fiato agli elettori. Dice la bella candidata: «Io voglio scatenare le energie dei giovani e degli imprenditori». Chissà se il ciclone-Magdalena raccoglierà qualche soddisfazione. Già se arrivasse terza, dopo Komorowski e dopo il pallido candidato presidente di Kaczynski (centro destra), Andrzej Duda, la signora Ogorek, 36 anni, raccoglierebbe un bel successo. Per lei e per il partito.