Sondaggio: tanti sì all’accordo Lega-Forza Italia in funzione anti-Renzi

Secondo un sondaggio Ixè per Agorà (Raitre), il 91% degli elettori azzurri e il 59% di quelli del Carroccio sarebbero favorevoli all’accordo in funzione anti-Renzi. Il 50% degli italiani, inoltre, pensa che Matteo Salvini non sarà il futuro leader del centrodestra. A puntare sul segretario della Lega è invece il 36%. Ora che il Patto del Nazareno non c’è più, per il campione di intervistati il percorso delle riforme per Renzi diventa più difficile: lo sostiene il 51% degli intervistati. Solo il 32% sostiene, invece, che senza l’accordo con Berlusconi la strada per il premier sarà in discesa. La rilevazione è stata effettuata da Ixè per Agorà-Rai 3 il 17/12/2014 tramite sondaggio Cati-Cami su un campione casuale probabilistico stratificato di 1.000 soggetti maggiorenni (su 7.160 contatti complessivi), di età superiore ai 18 anni. Tutti i parametri sono uniformati ai più recenti dati forniti dall’Istat. I dati sono stati ponderati al fine di garantire la rappresentatività rispetto ai parametri di sesso, età e macro area di residenza.

La Lega sorpassa Forza Italia

Secondo lo stesso sondaggio, il Pd conquista mezzo punto in più in una settimana, passando dal 37% al 37,5%, confermandosi largamente primo partito italiano. Sempre oltre il 19% il Movimento 5 Stelle (19,1%, -0,3%), mentre la Lega Nord mantiene oltre 1 punto di vantaggio su Forza Italia (13,9% contro 12,8%). In crescita l’affluenza alle urne, che in una settimana passa dal 56,8% al 58,3%.

Ma per Swg il Pd cala

Secondo il sondaggio di Swg per il suo report settimanale “Scenari di un’Italia che cambia”, scendono i due partiti firmatari del disciolto Patto del Nazareno, Pd e FI, mentre sale il movimento di Beppe Grillo e rimane sostanzialmente stabile la Lega di Matteo Salvini. Questo il quadro complessivo delle intenzioni di voto (tra parentesi il risultato della scorsa settimana: Pd 38,7% (39,5), Ncd 3,4% ( 3,2), Sc 0,2% ( 0,4), altri area di governo 0,6% ( 0,5), complessivamente area di governo 42,9% (43,6); M5s 18,1% (17,0), Fi 14,6% (15,1), Lega Nord 12,3% (12,2), Fdi 2,8% ( 3,4), Sel 3,2% ( 3,1), Prc 1,3% ( 1,3), Verdi 0,8% ( 0,6), altro partito 4,0% ( 3,7); non si esprime 45,6 (45,8). La rilevazione è stata effettuata da Swg nel periodo 9-11 febbraio 2015 tramite sondaggio Cati-Cawi su un campione rappresentativo nazionale di 2.000 soggetti maggiorenni.