Milano, sparatoria nel cuore di Chinatown: un morto e un ferito

Un morto e un ferito grave, entrambi cinesi. Sono le vittime di una sparatoria avvenuta nella notte in via Signorelli, nel cuore della Chinatown di Milano. L’aggressione si è consumata all’esterno di bar karaoke, all’apice di un litigio. Non è la prima volta che si verifica un episodio del genere, con una rissa che degenera in omicidio.

La sparatoria a Chinatown

Entrambe le vittime, portate immediatamente in ospedale, sono apparse da subito in condizioni gravi e a rischio vita. Secondo quanto si è appreso, i due uomini erano stati colpiti all’addome. L’uomo deceduto aveva 36 anni ed è morto poco prima dell’alba, durante un’operazione chirurgica eseguita all’ospedale San Carlo per cercare di limitare le lesioni dovute al proiettile. Aveva piccoli precedenti penali. Gravissime anche le condizioni dell’altro uomo, ricoverato all’ospedale Niguarda.

Forse un regolamento di conti

Restano da accertare i motivi dell’aggressione, anche se non si esclude un regolamento di conti tra bande rivali. Sul caso indagano i carabinieri, che hanno già iniziato ad ascoltare alcune persone che erano in zona in quel momento. I testimoni hanno riferito di un parapiglia, durante il quale sarebbero comparse le pistole. Secondo le prime informazioni, inoltre, un gruppo di ragazzi sarebbe stato visto fuggire. Gli investigatori contano di poter ottenere ulteriori informazioni anche dai filmati delle telecamere di sorveglianza.