L’Oriana non convince: ascolti in calo e stroncatura sui social

Non convince il pubblico la miniserie tv in due puntate su Oriana Fallaci. La seconda serata ha fatto registrare un calo di ascolti (3.855.000 telespettatori e 14,26% di share) rispetto alla prima puntata (15,93% di share) e le critiche sui social sono andate a briglia sciolta confermando le perplessità dei critici su una fiction mal costruita e mal interpretata da Vittoria Puccini.

Troppo sentimentalismo, sembra un “santino”

Troppo sentimentalismo, episodi sulla cui genesi fioccano errori e imprecisioni, reticenza sulla Fallaci ultima versione, quella anti-islamica che viene oscurata per non esprimere un giudizio imbarazzante. Meglio ripiegare sulle scene d’amore con Alekos Panagulis, l’attivista intellettuale che combattè la dittatura dei colonnelli e che è il protagonista di Un uomo. La Rai ha scelto di ripiegare sulla “mediocrità del santino” (come scrive Alessandro Gnocchi sul Giornale) perdendo per scelta la sfida con la complessità del personaggio.

L’Oriana è la più commentata su twitter

Su twitter in particolare si è scatenata la delusione dei fan della vera Oriana, un movimento di cinguettii che fatto volare l’hashtag #LOriana tra i topic trend. Si rammaricano soprattutto i lettori di Oriana Fallaci e si augurano che almeno la fiction possa supportare una vendita dei suoi titoli. In pochi giustificano il regista, Marco Turco, e gli sceneggiatori che non sono riusciti a restituirne il talento, che hanno costruito “un’oleografia senza lampi”, come ha scritto Annalena Benini sul Foglio. Impietosi i commenti tra i quali spicca questo, lapidario: “Mi chiedo se chi ha scritto #LOriana abbia pensato che poi l’avrebbe vista qualcuno”. E ancora c’è chi osserva che la Fallaci avrebbe sporto querela per la fiction su di lei e chi annuncia: ho resistito solo 40 secondi. C’è chi neanche ci prova: niente, non si può nemmeno provare a guardarla. Insomma non è Oriana Fallaci, è L’Oriana di Rivombrosa. Una stroncatura senza appello.