Londra, vietato fumare in auto se ci sono minori. L’Italia verso una legge

Vietato fumare in macchina se i passeggeri sono minorenni. Lo ha deciso il Parlamento inglese, la House of Commons, con un provvedimento passato con 342 sì e 74 no. La misura, di cui si discute anche in Scozia, diventerà operativa dal primo ottobre, mentre è già legge in Galles.

La lotta al fumo passivo

La decisione, di cui hanno dato notizia diversi media, tra i quali anche la Bbc, ha lo scopo di proteggere i minori di 18 anni dagli effetti nocivi del fumo passivo, come il rischio di asma e meningite. Per i trasgressori è prevista una multa di 50 sterline. «Tre milioni di bambini e ragazzi sono esposti al fumo passivo in auto e ciò mette la loro salute a rischio», ha spiegato il ministro della Salute pubblica, Jane Ellison, aggiungendo che «sappiamo che molti di loro si sentono in imbarazzo o hanno paura di chiedere agli adulti di smettere di fumare ed è per questo motivo che le norme sono un passo importante per proteggerli dai danni del fumo passivo». Il provvedimento viene considerato una grande vittoria dalla British Lung Foundation, che si occupa di contrastare lo sviluppo di malattie dei polmoni, mentre viene reputata «eccessiva» dal gruppo di fumatori Forest.

L’Italia verso un decreto

Una misura del genere è allo studio anche in Italia, dove  il fumo è già stato messo al bando dalle scuole, dalle vicinanze dei plessi scolastici e degli ospedali. «Sono ormai acclarati i danni da fumo passivo soprattutto fra i giovanissimi», ha ripetuto più volte il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, che ora sta lavorando a un decreto che contenga il divieto di fumare in auto alla presenza di minori.