L’Isis minaccia: “Marino sindaco in tutte le città”. Per fortuna è solo satira

“Siamo l’Isis, vi distruggeremo: anzi, manderemo Marino a fare il sindaco di tutte le città italiane”. Potrebbe esserci minaccia peggiore per gli italiani? Si scherza, è chiaro, ma stavolta a farlo non è “Charlie Hebdo”, sono  un gruppo di satiri italiani, a conferma che si può scherzare sul terrorismo anche senza provocare a tutti i costi una reazione dall’altra parte. Ma quell’account “L’Isis minaccia”, che sulla Rete sdrammatizza la minaccia del’invasione islamica in Italia con vignette e battute satiriche che ruotano intorno i vizi, debolezze e tradizioni degli italiani, non fa solo sorridere, fa anche riflettere. Riflettere non sul conflitto tra Occidente e Oriente, sull’incubo dei tagliagole e sulle colpe, vere o presunte, della comuntà internazionale, ma su un modo di fare satira che può servirsi perfino della temibile sigla dell’Isis per smontare con la leggerezza di una battuta l’idea di una guerra permanente combattuta anche sui social, oltreché sui media. Sulla paura si può ancora scherzare, questa è la buona notizia. E noi italiani sappiamo farla anche senza offendere le religioni. Sarà per questo che sui social è “febbre” da finte minacce dell’Isis…

Minacce del finto Isis anche sulla settimana enigmistica

L’account si apre così: “Isis minaccia”. Sottotitolo: “Cosa non si farebbe per 70 vergini”. Ma noi italiani cosa abbiamo da temere dai finti “Isis”? “Vi faremo leggere tutti i libri di Gramellini” è una minaccia pesante, molto pesante. “Vi faremo partite gli aggiornamenti di Windows mentre siete su Youporn”, “Strapperemo le braccia per restituirle all’agricoltura”; “Avrete 5 mogli e 75 suocere”; “Faremo scrivere i vostri discorsi a Kekko dei Modà”. “Impediremo ai 33 trentini di entrare a Trento”, “Faremo dirigere i nostri giornali a Sallusti”, “Aggiungeremo un altro lunedì alla settimana”. Ma c’è anche roba politica, oltre a quella su Marino sindaco “ovunque”, sul premier, “Bucheremo l’ego di Renzi” ma anche sulla Lega, “Vi obbligheremo a mettere le felpe di Salvini”. Ma la migliore è quella sulla settimana enigmistica: “Toglieremo le soluzioni a pagina 46″. No, tutto, ma le soluzioni alle parole crociate crittografate non ce lo togliete, no…