Isis, il nuovo video-choc: statue antiche distrutte a Mosul

Statue e bassorilievi antichi abbattuti da uomini barbuti che poi li distruggono con il martello pneumatico. È quanto si vede nell’ultimo video diffuso dall’Isis a Mosul, tramite un account Twitter usato dal Califfato.

La distruzione sistematica dell’Isis

Il filmato conferma il proseguimento della campagna contro le vestigia del passato che ha già visto i miliziani dello Stato islamico far saltare in aria luoghi di culto, dare alle fiamme libri sottratti dalle biblioteche e distruggere una parte della cinta muraria di Ninive, l’antica capitale assira alla periferia dell’odierna Mosul. Le immagini mostrano uno scempio perpetrato metodicamente nelle sale di quello che sembra un museo a Ninive. Durante il video, che dura cinque minuti, i jihadisti dell’Isis si soffermano sui cartelli in arabo e in inglese che illustrano i manufatti esposti. Tra le statue distrutte ne figura in particolare una di un toro alato che rappresenta l’antica divinità mesopotamica di Nergal. L’Isis segue una dottrina fondamentalista sunnita secondo la quale è vietata qualsiasi riproduzione di esseri umani o animali, tanto più se raffigurazioni di dei.

Per guardare il video clicca qui