Forza Italia sceglie l’opposizione dura, ma Fitto resta sulle barricate

Silvio Berlusconi è irritatissimo dall’atteggiamento di Matteo Renzi. E dice ai suoi che l’opposizione sarà tenace e durissima. Conferma dunque la minaccia del capogruppo azzurro alla Camera Renato Brunetta: “Gli faremo vedere i sorci verdi”.La minaccia di andare a votare non spaventa il Cavaliere: “Voglio vedere come andrà a finire con il consultellum”.  Ma la nuova strategia d’assalto non mette d’accordo tutti nel partito, come racconta il Messaggero in un retroscena di Claudia Terracina. Resta il problema di Fitto e dei suoi. I ribelli prima hanno sfidato i colleghi di partito “a esprimere il nostro stesso netto no alle riforme” e poi hanno criticato la decisione di uscire dall’aula.

Fitto continua a chiedere congresso e primarie

In pratica Fitto “in vista della sua convention del 21 febbraio resta sulle barricate e insiste nella critica alla linea ondivaga del partito. Esige un congresso e “torna alla carica per le primarie”. Il Cavaliere “gli scatena contro mezza Forza Italia” e il clima interno dimostra quindi che la vagheggiata ricomposizione resta per ora una chimera. Un uomo macchina molto ascoltato da Berlusconi come Marcello Fiori spiega quello che accadrà: “Non consentiremo a Fitto di creare un partito nel partito in cui, utilizzando il nome di Berlusconi, la bandiera di Forza Italia e i voti dei nostri elettori, tenti di imporre metodi, comportamenti e decisioni politiche non condivise”.