Fitto: «Prima sembravamo Forza Renzi, poi Forza Salvini, e ora il caos»

«Siamo diventati da Forza Italia a Forza Renzi, poi Forza Salvini e in queste ore una prospettiva ancora diversa. La confusione in Forza Italia è evidente e sono stati commessi gravi errori politici e cosa di fa? Si commissaria la Puglia, atto che che non fa paura a nessuno». Così Raffaele Fitto nel corso di una lunga intervista a Repubblica Tv. Quello sulla Puglia, per Fitto, «non è atto di forza ma di debolezza». Ribadisce che non vuole «lo scontro ma il confronto« e soprattutto che in Forza Italia «avere avuto ragione, sul Patto del Nazareno, ad esempio, nel nostro partito rischia di essere il principale torto».

Fitto ribadisce: non lascio il partito

«Abbiamo una situazione in Forza Italia dove la confusione regna sovrana. Il capogruppo alla Camera va da solo al Quirinale con un documento in 25 punti non concordato con nessuno. Oggi il capogruppo al Senato difendendo il patto del Nazareno contesta questa presenza». Allora «qual è oggi la posizione Forza Italia? Non lo so, io so quale è la nostra». «Il tentativo di epurazione che si sta mettendo in atto non porterà a nulla perché la nostra battaglia sarà all’interno di Forza Italia». L’europarlamentare pugliese nel corso dell’intervista a Repubblica Tv, ribadisce che non ha alcuna intenzione di uscire dal partito. «La nostra non è una battaglia personale – ha aggiunto – ma di metodo e criterio». Poi sulla Libia e sull’immigrazione, l’ex governatore della Puglia incalza il governo italiano. Deve assumere «iniziative forti e chiare» soprattutto «bisogna evitare posizioni che di sabato sono di un tipo e di lunedì sono nel modo opposto». «Noi già siamo in guerra – ha detto ancora – vogliamo continuare a far finta di nulla e avere il flusso migratorio come ad oggi accaduto? No, bisogna intervenire in maniera netta e chiara. L’Italia deve creare un’alleanza seria e importante».