Fino al 28 la storia di Roma rivive tra le pareti dell’Auditorium di Mecenate

Mecenate racconta Roma dagli dèi all’Impero”. È l’ultima iniziativa promossa dalle Associazioni culturali Castellum e Iter per avvicinare i cittadini di tutte le età alla storia millenaria della Capitale: il percorso di visite guidate interattive tra le mura dello straordinario sito archeologico è possibile fino a sabato 28 febbraio (Auditorium di Mecenate, via Merulana, ingresso libero tutti i giorni dalle 17 alle 18,30 oppure dalle 20 alle 21,30). Si tratta di un lavoro di grande pregio che ricostruisce la storia dell’Auditorium di Mecenate nel cuore del Rione Esquilino e “racconta” con la forza delle immagini la vita del sito sacro dalla fondazione di Roma all’unità d’Italia. «Una carrellata di immagini, animazioni e suoni per un coinvolgente viaggio lungo la storia di Roma e d’Italia: miti, eroi, imperatori, papi, re ed eventi storici  – si legge nella locandina di invito – che hanno avuto come fulcro questo straordinario sito archeologico».

La storia dell’Auditorium di Mecenate

Una magia senza tempo. A via Merulana, come è noto, si conserva una sala semi-sotterranea decorata di affreschi, unico resto del complesso appartenente a Mecenate, amico e consigliere di Augusto. Il monumento, tradizionalmente conosciuto come Auditorium di Mecenate, è situato all’interno del giardino pubblico in Largo Leopardi e, tra alterne vicende, polemiche sui restauri e cavilli burocratico-amministrativi, è ancora ben conservato nel suo complesso. Il suo ritrovamento risale al 1874, in occasione dei grandi lavori di scavo per la costruzione del nuovo quartiere, subito dopo la proclamazione di Roma Capitale del Regno d’Italia. L’edificio, oggi coperto da una moderna tettoia (in antico aveva una copertura a volta), è costituito da un’ampia sala larga  con un’abside semicircolare sul fondo che presenta una gradinata costituita da sette stretti gradini concentrici. L’edificio doveva essere parte di un più ampio e lussuoso complesso residenziale fatto costruire da Mecenate in onore dell’imperatore.