Una materia in inglese alle elementari? Aprea (FI): «Proposta velleitaria»

«Irrealizzabile, velleitaria e controproducente». Valentina Aprea, di Forza Italia, assessore all’Istruzione della Regione Lombardia e presidente della commissione Cultura della Camera nel governo Berlusconi, ha espresso molte riserve sul decreto del ministro Stefania Giannini che, entro la fine di febbraio, dovrà fare la sintesi del progetto renziano “La buona scuola”.

Giannini: «Nelle quarte e quinte elementari insegnamento di una materia in inglese»

In un’intervista al Corriere della Sera il ministro ha annunciato che «nelle quarte e quinte elementari oltre alla musica e all’educazione fisica con insegnanti specialisti, da settembre ci sarà la possibilità di avere veri e propri professori di inglese che insegneranno, in compresenza con la maestra, una materia in inglese, per esempio scienze, il cosiddetto Clil». Sulle novità in arrivo per la scuola ha anche detto che «in terza e quarta superiore sarà introdotta un’ora di economia». «Abbiamo insegnanti per cominciare – ha detto Giannini – Confermati i 140mila nuovi assunti. Dovranno restare almeno tre anni nel posto che scelgono».

Le riserve dell’assessore Aprea

Una proposta che però fa acqua da tutte le parti. «Il vulnus della proposta – ha spiegato Aprea – sta nell’assegnazione degli insegnanti senza una valutazione aggiornata né una verifica delle competenze rispetto alle materie insegnate. Il limite è proprio questo: chi dovrà interpretare queste innovazioni». Ha osservato ancora l’assessore: «Gli insegnanti precari hanno mediamente 41 anni e, quindi, ci sono tanti 50enni, il ministro come pensa di utilizzare gli insegnanti per insegnamenti così specifici e innovativi come inglese e il digitale? È molto difficile conciliare il tipo di risorse umane che si prevede di assumere e l’utilizzo che se ne vuol fare legato alle innovazioni. Non vedo coerenza in questa proposta. Con la riforma Moratti abbiamo previsto l’insegnamento dell’inglese fin dalla prima elementare, ma ancora il ministero non è ancora riuscito a formare gli insegnanti. Mi preoccupano la formazione degli insegnanti e la selezione che sarà sindacale e burocratica». Ma oltre al nodo insegnanti c’è anche quello degli studenti.  «Mi sembra inopportuno – ha detto ancora Aprea – aumentare obbligatoriamente tutte le ore di studio di tutti percorsi quando con tanta difficoltà,  e in qualche caso senza riuscirci, abbiamo riportato con le ultime riforme le ore di studio degli studenti a quelle europee. I nostri studenti sono quelli che hanno, infatti, più ore e più materie. Non abbiamo dunque bisogno di introdure più ore, ma si può offrire ai ragazzi l’opportunità di scegliere nel rispetto e attitudini personali. Un altro limite sono gli istituti professionali che rappresentano il buco nero dell’istruzione scolastica. C’è il 60%  di mortalità del percorso formativo professionale con altissime bocciature e tantissimi ragazzi che abbandonano. Quindi, come pensa la Giannini di inserire anche nei professionali lo studio dell’arte? Ai ragazzi bisogna dare libertà di scelta di percorsi: o crediamo all’autonomia e mettiamo al centro lo studente – ha concluso l’assessore lombardo – o stiamo facendo un’azione burocratica che rimarrà lettera morta sulla carta di cui si avvantaggeranno solo gli insegnanti che verranno stabilizzati».