Regionali in Puglia: Berlusconi vorrebbe candidare Nicola Giorgino

Il sindaco di Andria, Nicola Giorgino, potrebbe essere il candidato prescelto dal leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi, per le regionali in Puglia. La voce circola in queste ore e lo stesso Giorgino, spiega che, pur non avendo avuto “nessuna investitura da parte di Berlusconi – sottolinea – so che c’è stata una indicazione del mio nome da parte del partito regionale come possibile candidato: Berlusconi farà le sue valutazioni. Attendiamo l’esito”. “Io – spiega – ho sempre detto che sono a disposizione del partito e ho dato la mia disponibilità, nell’ipotesi in cui ci dovesse essere una convergenza, per questa battaglia per la Puglia”. Se questa ipotesi dovesse essere essere confermata, l’ipotesi primarie voluta dai fittiani, sarebbe definitivamente accantonata. “Credo che non si faranno – spiega Giorgino – anche perché si stanno riducendo di molto i tempi per farle”. “Anche votando a maggio – ha concluso – a questo punto bisogna procedere al più presto con la scelta del candidato presidente e organizzarsi per affrontare temi e contenuti per una campagna elettorale all’insegna del cambiamento”.

Fitto chiede le primarie, ma Berlusconi non vuole

Ma da Palazzo Grazioli arriva una presa di distanza sulle regionali in Puglia. Non c’è ancora “nessun prescelto” per la presidenza della Regione Puglia e “Berlusconi sta facendo le sue valutazioni” su diversi “nomi in campo”, alcuni dei quali “fatti dallo stesso” leader di Forza Italia che si pronuncerà “nei prossimi giorni”. Lo spiega a nome di Berlusconi il coordinatore regionale di FI Puglia, Francesco Amoruso, commentando le indiscrezioni sulla possibile candidatura del sindaco di Andria, Nicola Giorgino, il cui nome circola in queste ore come quello indicato da Berlusconi per la candidatura alla presidenza della Regione.

Ancora non ci sarebbe una candidatura definita

“Una candidatura definita non c’è”, sottolinea Amoruso ricordando che “giovedì c’è stato un incontro tra il presidente Berlusconi e me, in cui abbiamo discusso della situazione”. Lo stesso tipo di incontro, precisa, Berlusconi lo “ha avuto con tutti i coordinatori delle Regioni in cui si vota”. Oltre alla “candidatura di Schittulli (presidente dell’ex Provincia di Bari)”, sottolinea Amoruso, “ho comunicato la disponibilità di Marmo (vicepresidente del Consiglio regionale pugliese) che poi ha ritirato la candidatura ; e ho comunicato che c’era la disponibilità del sindaco di Andria. Il presidente mi ha fatto anche degli altri nomi sulla base di indicazioni che erano arrivate”. “Berlusconi – prosegue Amoruso – ha verificato questo ventaglio di indicazioni dopodiché ha incontrato il presidente Schittulli e ha detto ora ci pensiamo un po’, facciamo il punto della situazione e ci sentiamo la settimana prossima. Questo è stato tutto”.