Mike Tyson: voglio ispirarmi a Mussolini, il suo carisma è enorme

Ha sempre fatto sempre notizia, Mike Tyson. Nel bene e nel male. Quando vinceva e quando perdeva. Quando sembrava imbattibile e quando staccava l’orecchio all’avversario che lo stava surclassando. Quando si trovava nei guai giudiziari e quando, in giacca e cravatta, si presentava sul palco del Festival di Sanremo. Stavolta ha riconquistato i riflettori con una frase-bomba, di quelle che non passano inosservate: «Mi ispiro a Benito Mussolini».

 L’antefatto: Tyson canta con Madonna

Sì, proprio lui, l’ex campione di pugilato nato a Brooklyn, tutto genio e sregolatezza, ha parlato del Duce. Ma andiamo con ordine: la cantante Madonna ha voluto anche Tyson per una delle 19 tracce del nuovo album, Rebel Heart. L’ex pugile è infatti accanto alla 56enne Material girl nel brano Iconic, con un’incursione parlata. Tyson, intervistato dall’edizione americana di Rolling Stones – e ripreso in Italia anche da Rockol.it – ha dichiarato di essersi ispirato a Mussolini quando ha registrato la sua parte.

«Mussolini, un uomo carismatico»

«Vedi Mussolini parlare in tv, e anche se non capisci una parola di quello che dice, percepisci subito il suo carisma. E proprio in quel modo ho cercato di immaginarmi», le parole di Tyson. «Lo so, la gente dice: “Mussolini è un fascista” e tutte queste cose, ma cavolo, da lui si possono copiare alcune cose. Non mi stupisce che Hitler ne fosse affascinato. Questo tipo è una figura ipnotica. C’era molto orgoglio in quello che diceva. Anche se non sono italiano, posso capire che tipo di fierezza fosse in grado di emanare. Aveva quello stile: faceva quei gesti con le mani e con la testa prima ancora che l’hip hop fosse inventato».