Gasparri e La Russa: sbagliato il metodo Renzi, non la persona Mattarella

Maurizio Gasparri ha ribadito la posizione di Forza Italia: «Scheda bianca come abbiamo deciso nell’assemblea, una posizione
votata e che non è cambiata. Il metodo è stato sbagliato e unilaterale. Questo a prescindere dal giudizio sulla persona Sergio Mattarella – ha aggiunto – e io sono tra i pochi che lo conosce. L’ho spiegato anche a lui, che era un problema di metodo che Renzi ha seguito. Spetterà a lui smentire i luoghi comuni per cui sarebbe ostile al centrodestra, ma questo lo scopriremo vivendo».

La Russa: per essere alternativi alla sinistra non dobbiamo esserne servi

«L’inaffidabilità di Renzi adesso è conclamata: ora non c’è più solo il “Letta stai sereno”, ma anche il “Berlusconi stai sereno” e l’“Alfano stai sereno”». Lo ha dichiarato Ignazio La Russa, deputato di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, che ha aggiunto: «Seguire la sinistra pedissequamente non dà forza al centrodestra. Credo ci volesse un presidente scelto dai cittadini, e non una persona degna quale è Mattarella, utilizzata da Renzi per mettere a posto i pezzi rotti della sinistra e dare diktat a Berlusconi e Alfano. Così non si può sperare di avere un presidente subito riconosciuto da tutti. Vedremo come si comporta, ma so che lui è bravo. Io credo che l’esito di queste elezioni influirà sul futuro del centrodestra – ha concluso La Russa – Per essere alternativi alla sinistra bisogna non essere servi e schiavi della sinistra».