Fiorito indecente: va in radio e si dice “inorridito” da Alemanno

Non c’è davvero limite all’indecenza. Non contento di tutti i guai che ha combinato, Franco Fiorito si permette anche di tranciare giudizi morali . La sua grottesca esibizione avviene durante il programma di Rai Radio2 Un Giorno da Pecora. «Non conosco Carminati, non frequentavo certi ambienti. Frequentavo solo quelli politici», afferma “Batman”, che si dice «inorridito» da Alemanno: «In una intercettazione lui si preoccupava con Mancini di vedere se avevo versato dei contributi alla loro fondazione».

Millantate offerte di candidatura

Era davvero in “forma” il Fiorito dalle spese indecenti: «Il peggior errore di Alemanno – dice “ispirato” –  è stato dare di fiducia a tutte queste persone e, silenziosamente, lasciar fare tutto questo cammino a delle persone che non meritavano». E sì, perché lui si è forse dimostrato meritevole di fare il capogruppo del Pdl alla Regione Lazio? Ma il punto in cui c’è veramente da sganasciarsi dalle risate è quando, dopo aver affermato di non voler tornare «per ora» in politica, così confida: «Mi avevano offerto nuovamente la candidatura più di una volta, anche alle ultime comunali». Saremmo davvero curiosi di conoscere (se mai esistesse) quel “genio” della politica che può avergli fatto un’offerta simile.

L’annuncio di un libro

“Batman” riferisce anche di essere intento a scrivere un libro, dal titolo Il Sistema: «Uscirà l’anno prossimo e racconterà per la prima volta (sic!) gli scandali della politica visti da uno che ci è passato in mezzo. Ora sto aggiungendo un capitolo su Mafia Capitale». È passato in mezzo agli scandali, Fiorito. L’unico guaio è che ci sarebbe rimasto come un topo nel formaggio, se non l’avessero sorpreso con le mani nella marmellata.