Sequestri al campo rom di Scampia: «Denuncio chi mi accusa di razzismo»

Un’altra vicenda, un altro copione scritto, con la sinistra che ripete sempre lo stesso ritornello dando del razzista a chi vuole la legalità sui campi nomadi. Ma stavolta chi è stato bollato come razzista ha reagito ed è pronto a denunciare. Tutto accade a Scampia, uno dei quartieri difficili di Napoli, un quartiere che ai suoi problemi di sempre ha aggiunto un altro motivo di insicurezza, quello derivante da azioni illegali dei rom. Proprio su questa base, la polizia municipale e i carabinieri hanno fatto un blitz nel campo nomadi, che ha portato al sequestro di auto e camper risultati, in otto casi su dieci rubati, con i numeri di telai abrasi o privi di copertura assicurativa. Tra i mezzi interessati al provvedimento anche auto di lusso, Audi e Mercedes, oltre a numerose carcasse semidistrutte o date alle fiamme.

La risposta della sinistra: un corteo flop per i rom

Di tutta risposta la sinistra è scesa in piazza: più o meno 200 persone sono sfilate in un corteo che da piazza Giovanni Paolo II è arrivato fino al campo rom di via Cupa Perillo. Qui bande musicali e clownerie hanno allietato la mattinata agli abitanti del campo rom «rimasti senz’acqua e senza luce». Un fallimento, una manifestazione che non ha lasciato traccia. «I cittadini di Napoli nord sono tolleranti, ma anche intelligenti», ha dichiarato il presidente dell’VIII municipalità Angelo Pisani. «Per questo hanno fatto risultare un flop la pretestuosa manifestazione di associazioni varie e gruppi estremisti».

Nella vicenda entra un post di Salvini

Matteo Salvini è intervenuto sul suo profilo Facebook per commentare il corteo promosso dal consigliere napoletano Ivo Poggiani. «Un consigliere di sinistra – ha scritto Salvini – ha organizzato un corteo a favore dei rom, a cui le forze dell’ordine dopo anni di proteste hanno staccato gli allacciamenti abusivi alla rete elettrica. “Il Salvinismo è una malattia peggiore del perbenismo”, dice il tizio. Poveretto, in Italia ci sono troppi avvocati delle cause sbagliate! Comunque Buon Natale, anche a lui».

Il consigliere “rosso” non ci sta, Pisani denuncia

La replica di Poggiani : «La manifestazione non è stata una mia trovata individuale ma il compimento si un processo collettivo di opposizione alla svolta razzista del presidente della municipalità Angelo Pisani». Immediata la replica dello stesso Pisani: «È strumentale, pericoloso e vigliacco, oltre che sospetto, ogni attacco e offesa gratuita contro di me solo per aver fatto il mio dovere e non essermi girato dall’altra parte come ha fatto la malapolitica da trent’anni, facendo vivere in condizioni infernali e disumane migliaia di persone e bambini stranamente non tutelati dagli odierni protagonisti della manifestazione pro rom e che invece hanno diritto di esser considerati come tutti gli esseri umani. Tutti i manipolatori della realtà, i bugiardi e minacciosi protagonisti delle offese a mio carico, come coloro i quali contrastano iniziative di legalità, saranno denunciati alla procura della Repubblica per la tutela di tutti e per fermare un insensata e folle spirale di violenza che qualcuno cerca di costruire ad arte non rendendosi conto di poter provocare altre tragedie».